TORRAGGIO-PIETRAVECCHIA

Reportages floristici dall'Italia e dall'Estero: immagini dei fiori e dell'ambiente circostante
Avatar utente
Servodio
Amministratore
Messaggi: 4810
Iscritto il: 28 mag 2011, 21:21
Nome: Sergio
Cognome: Servodio
Residenza(Prov): Milano (MI)
Località: Milano e Canzo (CO)

Re: TORRAGGIO-PIETRAVECCHIA

Messaggio da Servodio » 28 gen 2018, 17:08

Bell'itinerario, flora fantastica, peccato l'abbandono al suo destino della chiesa, triste l'insipienza di chi dovrebbe salvaguardare.

Sergio :bye:
"Carpe diem, quam minimum credula postero." Orazio
"Quel cielo di Lombardia così bello quand'è bello, così splendido, così in pace." A.Manzoni
"Non esiste una strada verso la felicità. La felicità è la strada." Confucio

Umberto Ferrando
Messaggi: 4972
Iscritto il: 22 nov 2007, 15:28
Nome: Umberto
Cognome: Ferrando
Residenza(Prov): Mele (GE)

Re: TORRAGGIO-PIETRAVECCHIA

Messaggio da Umberto Ferrando » 30 gen 2018, 23:49

Bel reportage. Ci sono molte cose interessanti ma mi limito a segnalarne qualcuna: la sassifraga è Saxifraga lantoscana Boiss. & Reut, che è una forma di Saxifraga callosa Sm. con introgressione di Saxifraga cochlearis Rchb. (le due specie si sono incrociate in tempi più o meno remoti e materiale genetico di Saxifraga cochlearis permane in queste piante, che hanno una morfologia fogliare un po' particolare), il semprevivo invece è Sempervivum montanum L. var. burnatii (Wettst. ex Hayek) Praeger (rosette più grandi che nella forma tipica, ma il rango subspecifico assegnatogli da alcuni autori forse è eccessivo). Il cardo "spinosissimo" sembrerebbe Carduus litigiosus Nocca & Balbis, che in quella zona è molto diffuso, dal fondovalle fino a 1600-1700 m di altitudine. Concordo anche con la determinazione di Mauro, la pianta "bonsai" è Satureja montana L.

Ciao
Umberto

Avatar utente
AleAle
Messaggi: 8971
Iscritto il: 28 feb 2008, 00:05
Nome: Alessandro
Cognome: Alessandrini
Residenza(Prov): Emilia Romagna (dintorni di Bologna) (BO)

Re: TORRAGGIO-PIETRAVECCHIA

Messaggio da AleAle » 31 gen 2018, 11:10

:applauso: :applauso: :applauso:
Ale

Giordano08
Messaggi: 1
Iscritto il: 26 gen 2018, 10:30
Nome: Giordano
Cognome: Rossi
Residenza(Prov): Roma (RM)

Re: TORRAGGIO-PIETRAVECCHIA

Messaggio da Giordano08 » 31 gen 2018, 13:25

divaz1958 ha scritto:
26 gen 2018, 17:12
E un bellissimo bonsai naturale di cui ho difficoltà a individuare la specie:



Bonsai.jpg
Buongiorno divaz1958, sono un'appassionato di bonsai, e vorrei poter condividere la sua bellissima foto su una pagina facebook molto frequentata. Sarebbe disponibile a fornirmela, magari potrei mettere nome e cognome dell'autore oppure un suo contatto? Vorrei poterla condividere con gli utenti della paginaa facebook "L'arte del bonsai", poichè per noi questo tipo di foto sono di grande ispirazione.

La ringrazio.

Cordialmente.

Giordano

Mariangela
Messaggi: 10
Iscritto il: 10 mag 2018, 17:13
Nome: Mariangela
Cognome: Costanzo
Residenza(Prov): Milano (MI)

Re: TORRAGGIO-PIETRAVECCHIA

Messaggio da Mariangela » 15 mag 2018, 18:25

Mi permetto di dissentire. Il semprevivo non è un S. tectorum e neppure un S. montanum subsp. burnatii, io credo. Sembra piuttosto essere un ibrido di S. arachnoideum. I fiori richiamano quelli di arachnoideum e mi è parso di vedere un ciuffetto di peli bianchi all'apice delle foglie. Posso suggerire di fotografare sempre da vicino le rosette quando fotografate i semprevivi? E' l'unico modo per provare a riconoscerli. In questo caso, avremmo potuto capire chi poteva essere l'altro genitore.

Mariangela

Papic
Messaggi: 212
Iscritto il: 05 set 2012, 22:37
Nome: Paolo
Cognome: Picco
Residenza(Prov): Milano (MI)

Re: TORRAGGIO-PIETRAVECCHIA

Messaggio da Papic » 15 mag 2018, 20:27

Bellissimo itinerario, credo tra i più entusiasmanti che si possa effettuare nell'intero comprensorio dell'arco alpino. Una escursione in un fine settimana qualunque, da aprile ad agosto, potrebbe facilmente "riempire il carniere" (uso volutamente un'espressione coniata da amici botanici, in tempi di rullini fotografici che si esaurivano in tempi rapidissimi).
Proprio sul Sentiero degli Alpini ebbi modo di incontrare molte delle specie presentate nel bel resoconto, in un caldo fine giugno archiviato nel cassetto dei ricordi...
...ed altrettante ne mancavano, pronte per essere "stanate" in anni successivi ;)
Complimenti per le bellissime immagini
Paolo

Rispondi

Torna a “Itinerari botanici”