Calendula arvensis (Vaill.) L. - Calendula dei campi

Moderatori: Marinella Zepigi, Anja, Moderatori Botanici

Bloccato
Avatar utente
nino
Moderatore
Messaggi: 6425
Iscritto il: 23 dic 2007, 15:24
Nome: Antonino
Cognome: Messina
Residenza(Prov): Montemurlo - (PO)

Calendula arvensis (Vaill.) L. - Calendula dei campi

Messaggio da nino » 06 mar 2010, 03:06

Calendula arvensis (Vaill.) L.
Sp. Pl., ed. 2: 1303 (1763)

Basionimo: Caltha arvensis Vaill. - Königl. Akad. Wiss. Paris Phys. Abh. 5: 558 (1754)
Altri sinonimi: Calendula bicolor Raf., Calendula incana Willd., Calendula micrantha Tineo, Calendula parviflora Raf., Calendula stellata Cav.

Asteraceae

Fiorrancio selvatico, Calendula dei campi, dei campi, calta selvatica

Forma Biologica: H bienn - Emicriptofite bienni. Piante a ciclo biennale con gemme poste a livello del terreno.
T scap - Terofite scapose. Piante annue con asse fiorale allungato, spesso privo di foglie.

Descrizione: Pianta erbacea annuale o bienne,intensamente odorosa, termofila, pubescente, alta 10-50 cm e con aspetto ragnateloso da giovane;
Fusto generalmente ramificato, arcuato-ascendente o eretto.
Foglie verde chiaro alterne e di forma oblanceolata-spatolata ;le basali attenuate al picciolo con il margine intero ± dentato 6-15 x 20-50 mm ; le intermedie e le superiori sessili con base cordata e semiamplessicaule.
Fiori numerosi, di colore giallo-arancio e disposti in capolini solitari lungamente peduncolati, ricurvi verso il basso dopo la fioritura, larghi 2-3 cm e con ligule femminili a 1 serie 7-12 mm e tridentati all'apice, il disco è tubuloso concolore ed ermafrodita.
Brattee involucrali campanulate su 2 ordini con margine sottile e scarioso e talvolta leggermente porporino.
Il frutto è un achenio eterocarpo, biancastro, sprovvisto di pappo che si presenta in 3 forme diverse:
-quello esterno falciforme lungo 2 mm e con spinule
-quello mediano alato solo lateralmente e a forma concava
-quello interno falciforme o anulare, grossolanamente rugoso sul dorso.

Tipo corologico: Euri-Medit. - Entità con areale centrato sulle coste mediterranee, ma con prolungamenti verso nord e verso est (area della Vite).
Steno-Medit. - Entità mediterranea in senso stretto (con areale limitato alle coste mediterranee: area dell'Olivo).

Antesi: Novembre-Maggio (raramente tutto l'anno)

Habitat: E' pianta gregaria nei terreni incolti, margine sentieri e strade, nei vigneti. Predilige i terreni calcarei. Da 0 a 600 m di altitudine

Immagine


Note di Sistematica: E' parente stretta di Calendula officinalis L. più frequentemente coltivata e spontanea solo in alcune regioni d'Italia; inoltre il suo portamento è più imponente (capolino di 5 cm) e con caule eretto. La fioritura di C. officinalis è compresa tra giugno e dicembre.

Tassonomia filogenetica

Immagine


______________________________________________________________________________

Etimologia: Il nome del genere deriva dal latino " calendae" in allusione al tempo che scorre come la fioritura che si protrae per parecchi mesi.
L'epiteto della specie allude ai luoghi in cui vegeta speciamente nei campi arati.

Proprietà ed utilizzi: Immagine Specie commestibile officinale

Si hanno notizie di un suo assiduo utilizzo fino al medioevo, fu poi per molto tempo dimenticata. Riscoperta dalla medicina moderna per la presenza di flavonoidi, saponine, resine, oli essenziali, tracce di acido salicilico, beta carotene, licopene, luteina e xantine, queste ultime danno il caratteristico colore aranciato al fiore.
Viene utilizzata come antinfiammatorio, antisettico, antispasmodico, cicatrizzante, callifugo, sudoripara, e regolatrice del flusso mestruale.
Utilizzata anche per tingere i capelli, per ammorbidire la pelle e in infuso per sfiammare gli occhi arrossati.
Le foglie vengono utilizzate in misticanza con altre erbe e i fiori servono anche per guarnire antipasti. I petali essiccati servono per aromatizzare il vino, che dopo essere stato esposto al sole per 10 giorni, diventa un ottimo aceto.

Curiosità: Nella mitologia greca la pianta è associata a Afrodide che addolorata per la morte del giovane amante Adone pianse lacrime, che toccando terra, si trasformarono in calendole.Per questo motivo nel periodo ottocentesco il fiore veniva sempre associato a simobologie tristi causate da pene d'amore o da gelosia e inganni.
Anche William Shakespeare decanta il fiore nel sonetto xxv "I favoriti dei grandi principi schiudono i loro bei petali
come la calendula sotto l'occhio del sole
".

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, decliniamo pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.
______________________________________________________________________________

Principali Fonti
Sandro Pignatti - Flora d'Italia - Edagricole - Bologna 1982
Encicl.- Nel Mondo delle Piante - Edizioni Motta - 1980
Biagioli M.- Gestri G. - Acciai B. - Messina A. - Fiori sulla Pietra - Gramma - 2002
A. Poletti-Fiori e piante medicinali-Il Mandarino vol. 2°
Bayer,Buttler,Finkenzeller,Grau- Piante del Mediterraneo- Rizzoli 1990
A. Cattabiani - Florario - Oscar Mondadori rist. - 2007
Index Plantarum Flora Italicae - Indice dei nomi delle specie botaniche presenti in Italia
Acta Plantarum - Semi ed altre unità primarie di dispersione


Scheda realizzata da Nino Messina

Avatar utente
nino
Moderatore
Messaggi: 6425
Iscritto il: 23 dic 2007, 15:24
Nome: Antonino
Cognome: Messina
Residenza(Prov): Montemurlo - (PO)

Re: Calendula arvensis L.

Messaggio da nino » 06 mar 2010, 03:11

Fotografata in incolti a Montemurlo -PO- feb 2010
Foto Nino Messina
Allegati
Calendula arvensis L.5 (1).jpg
Calendula arvensis L.5 (1).jpg (183.67 KiB) Visto 8785 volte

Avatar utente
nino
Moderatore
Messaggi: 6425
Iscritto il: 23 dic 2007, 15:24
Nome: Antonino
Cognome: Messina
Residenza(Prov): Montemurlo - (PO)

Re: Calendula arvensis L.

Messaggio da nino » 06 mar 2010, 03:13

Fotografata in incolti a Montemurlo -PO- feb 2010
Foto Nino Messina
Allegati
Calendula arvensis L. (4).jpg
Calendula arvensis L. (4).jpg (186.7 KiB) Visto 8811 volte

Avatar utente
nino
Moderatore
Messaggi: 6425
Iscritto il: 23 dic 2007, 15:24
Nome: Antonino
Cognome: Messina
Residenza(Prov): Montemurlo - (PO)

Re: Calendula arvensis L.

Messaggio da nino » 06 mar 2010, 03:16

Fotografata in incolti a Montemurlo -PO- feb 2010
Foto Nino Messina
Allegati
Calendula arvensis L. (5).jpg
Calendula arvensis L. (5).jpg (190.44 KiB) Visto 8811 volte

Avatar utente
nino
Moderatore
Messaggi: 6425
Iscritto il: 23 dic 2007, 15:24
Nome: Antonino
Cognome: Messina
Residenza(Prov): Montemurlo - (PO)

Re: Calendula arvensis L.

Messaggio da nino » 06 mar 2010, 03:17

Fotografata in incolti a Montemurlo -PO- feb 2010
Foto Nino Messina
Allegati
Calendula arvensis L.5 (3).jpg
Calendula arvensis L.5 (3).jpg (170.05 KiB) Visto 8785 volte

Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
Messaggi: 15093
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Nome: Marinella
Cognome: Zepigi
Residenza(Prov): Lombardia (BG)
Località: Endine Gaiano (BG)
Contatta:

Re: Calendula arvensis (Vaill.) L. - Calendula dei campi

Messaggio da Marinella Zepigi » 17 mar 2014, 20:41

Calendula arvensis (Vaill.) L.

Asteraceae: Fiorrancio selvatico
Bari (BA), feb 2011
Foto di Vito Buono
Allegati
Calendula_arvensis_1.jpg
Calendula_arvensis_1.jpg (190.07 KiB) Visto 6129 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.

Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
Messaggi: 15093
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Nome: Marinella
Cognome: Zepigi
Residenza(Prov): Lombardia (BG)
Località: Endine Gaiano (BG)
Contatta:

Re: Calendula arvensis (Vaill.) L. - Calendula dei campi

Messaggio da Marinella Zepigi » 17 mar 2014, 20:42

Calendula arvensis (Vaill.) L.

Asteraceae: Fiorrancio selvatico
Manfredonia (FG), feb 2009
Foto di Luigi Rignanese
Allegati
Calendula_arvensis_2.jpg
Calendula_arvensis_2.jpg (148.35 KiB) Visto 6129 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.

Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
Messaggi: 15093
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Nome: Marinella
Cognome: Zepigi
Residenza(Prov): Lombardia (BG)
Località: Endine Gaiano (BG)
Contatta:

Re: Calendula arvensis (Vaill.) L. - Calendula dei campi

Messaggio da Marinella Zepigi » 17 mar 2014, 20:46

Calendula arvensis (Vaill.) L.

Asteraceae: Fiorrancio selvatico
zona ferrovia (PC), 55 m, apr 2011
Foto di Enrico Romani
Allegati
Calendula_arvensis_3.JPG
Calendula_arvensis_3.JPG (73.12 KiB) Visto 6128 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.

Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
Messaggi: 15093
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Nome: Marinella
Cognome: Zepigi
Residenza(Prov): Lombardia (BG)
Località: Endine Gaiano (BG)
Contatta:

Re: Calendula arvensis (Vaill.) L. - Calendula dei campi

Messaggio da Marinella Zepigi » 17 mar 2014, 20:50

Calendula arvensis (Vaill.) L.

Asteraceae: Fiorrancio selvatico
Giovinazzo (BA), 10 m, giu 2011
Foto di Vito Buono
Allegati
Calendula_arvensis_5.jpg
Calendula_arvensis_5.jpg (198.11 KiB) Visto 6128 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.

Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
Messaggi: 15093
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Nome: Marinella
Cognome: Zepigi
Residenza(Prov): Lombardia (BG)
Località: Endine Gaiano (BG)
Contatta:

Re: Calendula arvensis (Vaill.) L. - Calendula dei campi

Messaggio da Marinella Zepigi » 17 mar 2014, 20:51

Calendula arvensis (Vaill.) L.

Asteraceae: Fiorrancio selvatico
Giovinazzo (BA), 10 m, giu 2011
Foto di Vito Buono
Allegati
Calendula_arvensis_6.jpg
Calendula_arvensis_6.jpg (182.08 KiB) Visto 6128 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.

Bloccato

Torna a “Schede Botaniche”