Pale eoliche nel Subappennino Dauno

Cartografia, Paleontologia, Mineralogia, Petrologia, Meteorologia, Climatologia...
Rispondi
Avatar utente
luirig
Messaggi: 5495
Iscritto il: 08 dic 2007, 19:33
Nome: Luigi
Cognome: Rignanese
Residenza(Prov): Manfredonia (FG)
Località: Manfredonia (FG)
Contatta:

Pale eoliche nel Subappennino Dauno

Messaggio da luirig » 21 ott 2013, 16:47

Pale eoliche nel Subappennino Dauno
Allegati
Immagine 047.jpg
Immagine 047.jpg (52.87 KiB) Visto 583 volte
Immagine 014.jpg
Immagine 014.jpg (69.71 KiB) Visto 578 volte

Avatar utente
Franco Giordana
Amministratore
Messaggi: 15135
Iscritto il: 01 feb 2008, 10:40
Nome: Franco
Cognome: Giordana
Residenza(Prov): Ca' delle Mosche, 26013 Crema (CR)
Località: Crema (CR)

Re: Pale eoliche nel Subappennino Dauno

Messaggio da Franco Giordana » 21 ott 2013, 17:42

Che bello spettacolo! :congiurati:
Franco
come eravamo prima di Acta:http://floragarz.net

Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
Messaggi: 14908
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Nome: Marinella
Cognome: Zepigi
Residenza(Prov): Lombardia (BG)
Località: Endine Gaiano (BG)
Contatta:

Re: Pale eoliche nel Subappennino Dauno

Messaggio da Marinella Zepigi » 22 ott 2013, 13:45

Che orrore :cry:


marinella
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)
140 caratteri, possono bastare a distruggere il mondo, ma non a creare futuro.

Avatar utente
Daniela Longo
Amministratore
Messaggi: 9920
Iscritto il: 22 nov 2007, 12:57
Nome: Daniela
Cognome: Longo
Residenza(Prov): Genova (GE)

Re: Pale eoliche nel Subappennino Dauno

Messaggio da Daniela Longo » 22 ott 2013, 15:19

Lo so di andare controtendenza.

Nessuno in genere metterbbe Foto di piloni dell'elettricità, antenne satellitari, ripetitori per la telefonia mobile per far notare quanto sono invadenti nel paesaggio.
Le pale eoliche invece sono ritenute brutte.
Non voglio dire che in Italia siano state installate con attenzione al paesaggio, nei punti in cui poteva essere ottenuta la massima resa, cioè curando gli aspetti sia estetici che di impatto che di rendimento.
Gli incentivi statali hanno favorito le peggiori schifezze sia per quanto riguarda le pale che per quanto riguarda i pannelli fotovoltaici.

Ma a me piace pensare che saremo capaci di usare vento e sole, ma anche onde marine e geotermico, e soprattutto produzione energetica locale e distribuita e risparmio per inventarci un futuro diverso.

Daniela

PS: A me le pale non dispiacciono.... ;)
... vediamo un po’ come fiorisci,
come ti apri, di che colore hai i petali,
quanti pistilli hai, che trucchi usi
per spargere il tuo polline e ripeterti,
se hai fioritura languida o violenta,
che portamento prendi, dove inclini,
... (Patrizia Cavalli)

carlo cibei
Amministratore
Messaggi: 7848
Iscritto il: 22 nov 2007, 12:08
Nome: Carlo
Cognome: Cibei
Residenza(Prov): Genova (GE)
Località: Genova

Re: Pale eoliche nel Subappennino Dauno

Messaggio da carlo cibei » 22 ott 2013, 16:00

Vado controcorrente anch'io. Due premesse:
1 - Io cerco di essere molto risparmioso (sara` anche per la mia natura ligure :lol: ) cerco di spegnere sempre, e non mettere in stand by, tutto cio` che puo` essere spento quando non e` in uso (televisioni, radio, computer router wifi, spengo le luci quando esco da una stanza, ...) Lo spreco delle risorse mi da fastidio, non tanto per il costo, quanto per la noncuranza ed il disprezzo delle cose che implica.
2 - Sicuramente nel nostro paese qualcuno avra` lucrato indebitamente e disonestamente sull'affare dell'eolico o del fotovoltaico.

Detto questo noi utilizziamo energia (e produciamo rifiuti, tanto per fare un altro esempio) e quindi trovo corretto porsi onestamente e pragmaticamente il problema di come produciamo l'energia che ci serve (o di come smaltiamo i rifiuti prodotti). Dobbiamo farlo in modo sostenibile, tale da arrecare il minor danno possibile all'ambiente e ancor di piu` in modo da non lasciare pericolose eredita` ai nostri discendenti.
Mi sento di sottoscrivere al 100% quanto dice Daniela:
Daniela Longo ha scritto: Ma a me piace pensare che saremo capaci di usare vento e sole, ma anche onde marine e geotermico, e soprattutto produzione energetica locale e distribuita e risparmio per inventarci un futuro diverso.
Forse il panorama che ci mostra Luigi sarebbe piu` bello senza quell'affollamento di pale, ma sicuramente se li nel mezzo ci fosse una fumosa centrale termica o un impianto nucleare sarebbe molto piu` brutto e preoccupante. Almeno per come la vedo io.
:bye:
carlo
“... c'è chi vede il bicchiere mezzo pieno e chi lo vede mezzo vuoto. In realtà è sempre tutto pieno, di due sostanze diverse.”
Ester Armanino - L'Arca

Avatar utente
Garabombo
Amministratore
Messaggi: 4459
Iscritto il: 05 apr 2010, 10:15
Nome: Cristiano
Cognome: Magni
Residenza(Prov): Milano (MI)

Re: Pale eoliche nel Subappennino Dauno

Messaggio da Garabombo » 22 ott 2013, 18:23

Infatti in Puglia come altrove non è nel mezzo ma nelle modalità di appalto e gestione del mezzo.

In pratica ha lavorato un monopolista. Chi non s'affiliava... falliva!

Trovate molto materiale on-line... fortunatamente anche la magistratura sta acquisendo dati...

Per ogni risorsa sarebbe bene farsi sempre le due vecchie domande:
"ma... mi serve veramente?"
"e se la uso io, possono usarla anche gli altri con le mie stesse modalità?"

:bye:
C.
"Io sono un filo d'erba / un filo d'erba che trema /E la mia Patria è dove l'erba trema.
Un alito può trapiantare / il mio seme lontano
"
rocco scotellaro

Avatar utente
luirig
Messaggi: 5495
Iscritto il: 08 dic 2007, 19:33
Nome: Luigi
Cognome: Rignanese
Residenza(Prov): Manfredonia (FG)
Località: Manfredonia (FG)
Contatta:

Re: Pale eoliche nel Subappennino Dauno

Messaggio da luirig » 22 ott 2013, 18:34

C'è del vero in quello che è stato detto.
Ci sono degli aspetti positivi e negativi.
Sicuramente il paesaggio è bello da vedersi "al naturale", ma ugualmente hanno destato stupore tante pale eoliche insieme.
Chissà perché, a me venivano in mente quei mulini a vento contro cui combatteva Don Chisciotte ...
:bye:

Luigi

Rispondi

Torna a “Scienze della Terra”