Amaranthus cruentus L. - Amaranto paniculato

Moderatori: Marinella Zepigi, Anja, Moderatori Botanici

Bloccato
Avatar utente
nino
Moderatore
Messaggi: 6427
Iscritto il: 23 dic 2007, 15:24
Nome: Antonino
Cognome: Messina
Residenza(Prov): Montemurlo - (PO)

Amaranthus cruentus L. - Amaranto paniculato

Messaggio da nino » 10 gen 2014, 12:26

Amaranthus cruentus L.
Syst. Nat., ed. 10. 2: 1269 (1759)

Amaranthus paniculatus L., Amaranthus patulus Bertol., Amaranthus chlorostachys Willd.

Amaranthaceae

Amaranto cruento, Amaranto paniculato

Forma Biologica: T scap - Terofite scapose. Piante annue con asse fiorale allungato, spesso privo di foglie.

Descrizione: Pianta erbacea annua alta 20 - 100(-200) cm, ramificata fin dalla base.
Fustosolcato da righe longitudinali colorate di verde o rossice, glabro o ricoperto di rada peluria pluricellulare nella parte apicale.
Foglie verdi con nernature ben evidenti, disposte a spirale, picciolate, di forma ovato-oblungue o ovali attenuate o lievemente cuneate alla base e con mucrone 1,5 - 10(12) x 1 - 5(6) cm, stipole nulle.
Infiorescenza spiciforme verde chiaro o rossastra con parte centrale più alta delle laterali (± 45 cm); l'epicastro si può presentare solitario o con ramificazioni laterali erette o ± patenti.
Brattee ± quanto i tepali ( o al max 1,5 volte i tepali corrispondenti a 1,5 - 2(2,5) mm ) e con lunga peluria; 5 tepali ovato lanceolati con nervatura mediana giallo-bruno di 1 - 2 mm di lunghezza.
Fiori unisessuali pentameri con tepali acuti, ottusi o mutici; bratteole del fiore femminile in genere non superanti lo stigma ma con breve resta lunga 1,3 - 1,5 volte il perianzio; fiori maschili con 5 stami.
Il frutto è una capsula, detta pissidio, ellissoidale, più lunga del perigonio, deiscente orizzontalmente.
Semi compressi di colore biancastro o giallastro o nerastro di c. 1 mm.

Tipo corologico: Neotrop. - Paesi della fascia tropicale in America.

Antesi: Luglio - Settembre

Habitat: Ruderi e incolti da 0 a 800 m slm.

Immagine


Note di Sistematica: Questo genere è rappresentato nella Flora Italiana da 19 specie e 21 entità.

Note, possibili confusioni: Può essere confuso con Amaranthus hypochondriacus L. che però si presenta molto più ramificato fin dalla base e con spighe solo rosso-vinaccia poste all'ascella dell foglie o dei rami laterali, epicastro molto più corto (circa 1/2 di A. cruentus); tepali acuti e bratteole tenui.

Tassonomia filogenetica

Immagine


______________________________________________________________________________

Etimologia: Già in Dioscoride troviamo che deriva dal greco " a -maraino" = non appassisco" per il calice e le brattee scariose che sembrano non appassire mai. Due secoli fa il CLARICI dava un'altra etimologia cioè il significato di "immarcescibile" e in precedenza altri autori la facevano derivare da due termini " amor e anthos" = "fiore d'amore".
L'epiteto della specie è riferito al colore rosso cupo dei fiori.

Proprietà ed utilizzi: Immagine Specie commestibile

Per la presenza di notevoli quantità di sali minerali e aminoacidi come il magnesio, ferro, calcio, fosforo, alanina, arginina, serina, acido glutammico e aspartico, le foglie e i fusti che vengono utilizzati in cucina lessandoli, per preparare minestre, idonee per soggetti debilitati come gli anziani o i bambini. I piccoli semi, molto numerosi, vengono utilizzati insieme ad altri cereali arricchendone la farina per il contenuto dell'aminoacido Lisina.
L'Olio si semi di amaranto contiene un elevato quantitativo di vit. E con proprietà antiossidanti giuste per la cura della pelle e dei capelli.
Per la ricchezza di fibre la sua ingestione favorisce le funzioni intestinali e rafforzando il sistema immunitario per la presenza di Ferro.

Curiosità: In alcuni paesi del Centro America i semi dell'amaranto vengono utilizzati soffiati a guisa di pop-corn e per la preparazione di dolci.
Nella raccolta di questo Amaranto bisogna stare attenti a osservare il tipo di concimazione adoperato perchè essendo la pianta in grado di sintetizzare i nitrati di origine sintetica, può essere nocivo alla salute, quindi la concimazione più idonea è quella con concime organico.
La pianta è originaria dal Nord America e introdotta in Europa per scopi ornamentali nel 1600 circa. In Europa altri amaranti erano già noti dai popoli greci che se ne servivano per ornare le tombe degli eroi, in quanto simbolo di immortalità (Filostrato). I romani utilizzavano tali piante (una varietà detta alessandrina) per intrecciare serti insieme ai gigli (Tibullio Elegie lib. 3°). Intorno ai primi del 1500 dall'oriente giunge l'Amaranthus caudatus cui fece seguito l'A. versicolor.
Oggi l'Amaranthus cruentus e A. hypochondriacus vengono utilizzati, per il loro vivo colore rosso, per abbellire le aiuole dei giardini.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, decliniamo pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.
______________________________________________________________________________

Principali Fonti
Flora Iberica
D. Iamonico, Chiave analitica della specie del genere Amaranthus (Amaranthaceae) presenti in Valle d'Aosta, Rev. Valdôtaine Hist. Nat. 63:63-68 (2009)
PIGNATTI S., 1982. Flora d'Italia, Edagricole, Bologna
LAUBER K. e WAGNER G., 2001. Flora Helvetica, Berna
Enc. Nel Mondo delle Piante vol. 1°, 1974, ed. Motta
http://www.actaplantarum.org/acta/galleria1.php?id=2970


Scheda realizzata da: Antonino Messina

Avatar utente
nino
Moderatore
Messaggi: 6427
Iscritto il: 23 dic 2007, 15:24
Nome: Antonino
Cognome: Messina
Residenza(Prov): Montemurlo - (PO)

Re: Amaranthus cruentus L. - Amaranto paniculato

Messaggio da nino » 10 gen 2014, 12:32

Amaranthus cruentus L.
Amaranthaceae: Amaranto cruento
Monticelli (FR), ott 2008
Foto di Franz Neidl
Allegati
Amaranthus cruentus L. (2).jpg
Amaranthus cruentus L. (2).jpg (147.25 KiB) Visto 8260 volte

Avatar utente
nino
Moderatore
Messaggi: 6427
Iscritto il: 23 dic 2007, 15:24
Nome: Antonino
Cognome: Messina
Residenza(Prov): Montemurlo - (PO)

Re: Amaranthus cruentus L. - Amaranto paniculato

Messaggio da nino » 10 gen 2014, 12:33

Amaranthus cruentus L.
Amaranthaceae: Amaranto cruento
Monticelli (FR), ott 2008
Foto di Franz Neidl
Allegati
Amaranthus cruentus L. (1).jpg
Amaranthus cruentus L. (1).jpg (113.57 KiB) Visto 8260 volte

Avatar utente
nino
Moderatore
Messaggi: 6427
Iscritto il: 23 dic 2007, 15:24
Nome: Antonino
Cognome: Messina
Residenza(Prov): Montemurlo - (PO)

Re: Amaranthus cruentus L. - Amaranto paniculato

Messaggio da nino » 10 gen 2014, 12:34

Amaranthus cruentus L.
Amaranthaceae: Amaranto cruento
Monticelli (FR), ott 2008
Foto di Franz Neidl
Allegati
Amaranthus cruentus L..jpg
Amaranthus cruentus L..jpg (140.59 KiB) Visto 8260 volte

Avatar utente
nino
Moderatore
Messaggi: 6427
Iscritto il: 23 dic 2007, 15:24
Nome: Antonino
Cognome: Messina
Residenza(Prov): Montemurlo - (PO)

Re: Amaranthus cruentus L. - Amaranto paniculato

Messaggio da nino » 10 gen 2014, 12:36

Amaranthus cruentus L.
Amaranthaceae: Amaranto cruento
Casola Valsenio (RA), 200 m, ott 2012
Foto di Giorgio Faggi


Esemplare coltivato
Allegati
Amaranthus cruentus L. (3).jpg
Amaranthus cruentus L. (3).jpg (183.3 KiB) Visto 8259 volte

Avatar utente
nino
Moderatore
Messaggi: 6427
Iscritto il: 23 dic 2007, 15:24
Nome: Antonino
Cognome: Messina
Residenza(Prov): Montemurlo - (PO)

Re: Amaranthus cruentus L. - Amaranto paniculato

Messaggio da nino » 10 gen 2014, 12:39

Amaranthus cruentus L.
Amaranthaceae: Amaranto cruento
Casola Valsenio (RA), 200 m, ott 2012
Foto di Giorgio Faggi

Amaranthus_cruentus_Giorgio_Faggi.jpg
Amaranthus_cruentus_Giorgio_Faggi.jpg (81.12 KiB) Visto 2110 volte

Avatar utente
Anja
Moderatore
Messaggi: 10854
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Nome: Anja
Cognome: Michelucci
Residenza(Prov): Firenze (FI)
Località: Firenze

Re: Amaranthus cruentus L. - Amaranto paniculato

Messaggio da Anja » 24 ott 2015, 18:10

Amaranthus cruentus L.

Cavernago (BG), 200 m, lug 2008
Foto di Fabio Mologni
Immagine%20171.jpg
Immagine%20171.jpg (175.65 KiB) Visto 2113 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)

Avatar utente
Anja
Moderatore
Messaggi: 10854
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Nome: Anja
Cognome: Michelucci
Residenza(Prov): Firenze (FI)
Località: Firenze

Re: Amaranthus cruentus L. - Amaranto paniculato

Messaggio da Anja » 24 ott 2015, 18:11

Re: Amaranthus cruentus L. - Amaranto paniculato
Cavernago (BG), 200 m, lug 2008
Foto di Fabio Mologni
Allegati
Immagine%20173.jpg
Immagine%20173.jpg (178.97 KiB) Visto 2113 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Gli uomini discutono, la natura agisce (Voltaire)

Bloccato

Torna a “Schede Botaniche”