GPS

Microscopi, binocoli, macchine fotografiche, GPS e ogni altro strumento da campo e di laboratorio

Moderatore: rededivad

Rispondi
fernp
Messaggi: 826
Iscritto il: 08 ago 2010, 15:23
Nome: Fernando
Cognome: Possamai
Residenza(Prov): Follina (TV)

GPS

Messaggio da fernp »

Sto usando il cell per rilevare la posizione delle piante che incontro. Ho tuttavia riscontrato in vari casi un significativo disallineamento rispetto alle coordinate dello stesso punto in Google Earth. Cosa posso fare? Dipende forse dal tipo di cell, per la verità un po' vecchiotto? Se dovessi cambiarlo, quali suggerimenti potreste darmi per avere migliori prestazioni?
Grazie.

Fernando
Avatar utente
Merli Marco
Messaggi: 2494
Iscritto il: 18 dic 2013, 21:02
Nome: Marco
Cognome: Merli
Residenza(Prov): Stenico (TN)

Re: GPS

Messaggio da Merli Marco »

fernp ha scritto: 24 mar 2022, 13:58 Sto usando il cell per rilevare la posizione delle piante che incontro. Ho tuttavia riscontrato in vari casi un significativo disallineamento rispetto alle coordinate dello stesso punto in Google Earth. Cosa posso fare? Dipende forse dal tipo di cell, per la verità un po' vecchiotto? Se dovessi cambiarlo, quali suggerimenti potreste darmi per avere migliori prestazioni?
Grazie.

Fernando
Fernando non so come aiutarti, noi floristi trentini, usiamo una app professionale per la stessa cosa, ogni specie che troviamo durante ogni escursione la inseriamo, per tanto ci resta il punto preciso, poi i numerosissimi dati raccolti in centinaia e centinaia di escursioni annue restano salvate in un data-base. Questa app comunque è in dotazione a pochissimi botanici trentini e non può essere girata ad sltri
Verosimilmente altri utenti ti sapranno dire qualcosa sul tuo quesito

Ciao Marco
Avatar utente
ricki51
Messaggi: 826
Iscritto il: 28 gen 2016, 15:47
Nome: Riccardo
Cognome: De Vivo
Residenza(Prov): Fidenza (PR)

Re: GPS

Messaggio da ricki51 »

Ciao Fernando, io utilizzo da parecchi anni il Garmin 64st ed è assolutamente preciso anche in situazioni difficili come boschi con folta copertura o gole infossate. L'aspetto negativo di questo attrezzo è un prezzo che, al livello attuale di evoluzione tecnologica, mi pare poco giustificato. Ho amici, anche botanici, che utilizzano lo smartphone con app che costano pochi euro e sono perfettamente soddisfatti dell'efficienza e precisione. Visto che il tuo cellulare è vecchiotto, è possibile che non sia dotato di una antenna efficiente. Io sinceramente proverei con un nuovo cellulare: con 200 euro ne trovi di validi e risparmi soldi e peso rispetto al Garmin. Nel caso invece proprio volessi uno strumento specifico, il modello che ti ho indicato a me ha fatto un resa perfetta, e poi probabilmente oggi vi saranno anche modelli più aggiornati. Riccardo
Avatar utente
Daniela Longo
Amministratore
Messaggi: 14054
Iscritto il: 22 nov 2007, 12:57
Nome: Daniela
Cognome: Longo
Residenza(Prov): Genova (GE)

Re: GPS

Messaggio da Daniela Longo »

Vorrei spendere due parole sui dati GPS.

Google earth è realizzato con foto satellitari molto precise che hanno una particolarità: vedono ciò che vede il satellite che è anche il fornitore delle coordinate GPS a qualsiasi nostro sistema, cellulare o strumento dedicato.
Gli strumenti dedicati sono ovviamente molto più accurati di un qualsiasi cellulare anche di ultimissima generazione, ma...
Il ma consiste nella precisione fornita dal satellite: per definizione un satellite non fornisce un dato precisissimo, non perché non abbia questo dato (ci dicono che i satelliti riescano a "leggere" la targa di un auto!!), ma perché non può farlo per motivi militari.
Il singolo dato satellitare è garantito con una precisione di 15 m. Le applicazioni GPS raccolgono quindi i dati di più satelliti per calcolare un valor medio più accurato (ma non più preciso!!). Da qui dipende il dato migliore fornito da un Garmin rispetto a quello fornito dal cellulare: avendo una migliore ricezione riceve più satelliti e fa una media pesata su più informazioni.

Avete mai provato a tracciare il vostro itinerario con uno dei programmi quali OruxMaps o GuruMaps? E' interessante verificare, specialmente se ripetete lo stesso percorso più volte che il vostro tracciato sarà diverso, non tantissimo ma scostamenti fino a 10 metri sono abbastanza normali. Se poi vi fermate per una sosta e non bloccate il tracciatore vedrete che durante quella sosta non siete stati fermi ma vi siete aggirati come una mosca impazzita intorno ad un punto!!

Ciò premesso, sono un'utilizzatrice "compulsiva" di dati GPS e traccio normalmente tutte le mie gite; in molti casi le mappe digitali sul telefonino e la posizione GPS ci hanno "tirato fuori dai guai", vista la propensione di Giorgio a portarmi sempre nello stesso posto: a ramengo e possibilmente andandoci fuori sentiero!!

Per gli usi di tracciamento del percorso o di individuazione del punto GPS di un ritrovamento botanico i dati forniti da un cellulare insieme a un po' di dimestichezza con la conoscenza del terreno e con la lettura di una mappa sono in genere assolutamente più che adeguati: avere un dato con la precisione di 10 metri è più che sufficiente per questi usi.

A questo punto è anche interessante considerare che cosa rappresentano i dati GPS.
Parlo di quelli che esprimono Lat e Long come gradi decimali nel formato xxx,yyyyy, ma il discorso con qualche correzione si può fare anche per altri formati di dati.
La longitudine rappresenta una posizione in gradi rispetto allo zero rappresentato dall'equatore: il Polo Nord è a 90° e il Polo Sud a -90° o 270°. La circonferenza terrestre è di circa 40000Km. Dividendola in 360° ogni grado rappresenta circa 110 Km; il decimo di grado rappresenta quindi 11 Km e la quinta cifra decimale rappresenta 1 metro, al di sotto della precisione del vostro sistema GPS.
La latitudine rappresenta una posizione in gradi rispetto allo 0 convenzionale lungo un parallelo: il parallelo all'equatore coincide con la circonferenza terrestre; un qualsiasi altro parallelo sarà più piccolo, quindi la quinta cifra decimale sarà quasi ovunque inferiore a 1 metro.

Ciò premesso risulta chiaro che fornire dati GPS con più di 5 cifre decimali è abbastanza inutile (secondo me le cifre da fornire dovrebbero essere 4...): si introduce solo del rumore non informazione significativa: pensate che l'ottava cifra decimale rappresenta il millimetro e l'undicesima il micron e vi renderete conto che non state fornendo informazione utile!!

Daniela
... vediamo un po’ come fiorisci,
come ti apri, di che colore hai i petali,
quanti pistilli hai, che trucchi usi
per spargere il tuo polline e ripeterti,
se hai fioritura languida o violenta,
che portamento prendi, dove inclini,
... (Patrizia Cavalli)
Avatar utente
giemme53
Messaggi: 673
Iscritto il: 23 apr 2010, 20:51
Nome: Giuliano
Cognome: Mereu
Residenza(Prov): Nuoro (NU)

Re: GPS

Messaggio da giemme53 »

Aggiungo anche la mia piccola esperienza.
Da una decina d'anni uso solo le (ormai introvabili) fotocamere con GPS integrato. Così, senza alcuna fatica, mi ritrovo tutte le foto con i dati EXIF completi di coordinate geografiche. Nel caso di qualche raro buco nei dati, faccio riferimento alle foto riprese un po' prima o un po' dopo. Oppure prendo in considerazione qualche punto noto, o facilmente individuabile, che fotografo appositamente lungo il percorso.
La precisone reale riscontrata, anche confrontando i dati dello stesso punto presi in occasioni diverse, è normalmente di una decina di metri che, in pratica, per me è sufficiente
Utilizzando tutte le foto, con appositi programmi si può tracciare il percorso effettuato ma, normalmente, ricerco solo un limitato numero di casi. Inserisco le coordinate dei punti interessati (limitate per comodità solo a tre decimali) sulle mappe di Windows o di Google che poi mi ritrovo automaticamente sullo smartphone.
In qualche caso le inserisco anche sul navigatore Geosat 4x4 che è dotato di carte IGM 1:50.000. Questo strumento era utilissimo prima del boom degli smartphone ma ora è diventato meno pratico. Comunque lo uso tutt'ora, ad esempio per individuare qualche punto lungo strada. Ha comunque una buona autonomia e si può portare appresso come uno smartphone.
Buone escursioni a tutti.
Saluti
Giuliano
Rispondi

Torna a “Gli strumenti del naturalista”