Un microscopio per studenti

Microscopi, binocoli, macchine fotografiche, GPS e ogni altro strumento da campo e di laboratorio

Moderatore: rededivad

Rispondi
Avatar utente
Enotria
Messaggi: 203
Iscritto il: 27 gen 2013, 01:32
Nome: Andrea
Cognome: Bosi
Residenza(Prov): Ferrara (FE)
Località: Ferrara
Contatta:

Un microscopio per studenti

Messaggio da Enotria » 19 ago 2017, 18:23

.

I microscopi digitali sono un ottimo compromesso fra qualità delle immagini ed il costo della strumentazione, per questo rappresentano un'ottima scelta per ragazzi, studenti o chiunque non voglia investire troppi soldi nell'acquisto del microscopio, della fotocamera con cui riprendere foto e filmati, ecc.

L'articolo relativo a questo argomento è piuttosto lungo e ricco di immagini, per cui invece di riscriverlo di nuovo qui sul Forum, preferisco mettere il solo collegamento : http://spazioinwind.libero.it/andrea_bo ... udenti.pdf

Naturalmente continueremo qui sul Forum se avrete domande od osservazioni. Intanto, ma solo per invogliarvi, un paio di foto per mostrare la loro qualità e cosa si può ottenere con questi economici strumenti:

Stack di 18 foto.JPG
Stack di 18 foto.JPG (185.64 KiB) Visto 2451 volte

17427184644390.jpg
17427184644390.jpg (182.1 KiB) Visto 2451 volte
Sezione di granito in luce polarizzata



:bye:
Andrea

URL: http://spazioinwind.libero.it/andrea_bosi/index.htm

Ogni oggetto ha la sua storia,
. . . io non vendo oggetti,
. . . . . . io racconto storie. (Enotria)

carlo cibei
Amministratore
Messaggi: 7353
Iscritto il: 22 nov 2007, 12:08
Nome: Carlo
Cognome: Cibei
Residenza(Prov): Genova (GE)
Località: Genova

Re: Un microscopio per studenti

Messaggio da carlo cibei » 19 ago 2017, 19:37

Come sempre molto interessante Andrea, Grazie. :applauso:
Io ho comprato tempo fa uno di questi microscopi, sono abbastanza soddisfatto, con qualche difetto evidente che emerge:
1 - per avere ingrandimenti abbastanza grandi è necessario avvicinare molto il microscopio all'oggetto ripreso, di conseguenza non risulta possibile operare sul soggetto con pinzette, aghi ecc
2 - mancanza illuminazione per trasparenza. Qui ci hai fornito una brillante soluzione
3 - il controllo automatico di guadagno che espone il soggetto "come piace a lui" e non come vorrei io a seconda di ciò che voglio evidenziare
Un suggerimento a chi pensa di acquistarlo: lo stesso oggetto, di produzione cinese, viene venduto da diverse ditte a prezzi molto diversi tra loro. Es Celestron lo fa pagare a caro prezzo. Controllate bene le caratteristiche.
:bye:
carlo
“... c'è chi vede il bicchiere mezzo pieno e chi lo vede mezzo vuoto. In realtà è sempre tutto pieno, di due sostanze diverse.”
Ester Armanino - L'Arca

Avatar utente
Enotria
Messaggi: 203
Iscritto il: 27 gen 2013, 01:32
Nome: Andrea
Cognome: Bosi
Residenza(Prov): Ferrara (FE)
Località: Ferrara
Contatta:

Re: Un microscopio per studenti

Messaggio da Enotria » 20 ago 2017, 00:31

.

E' da qualche mese che studio questi microscopi, le loro caratteristiche mi incuriosiscono parecchio ed, in particolare, apprezzo la loro adattabilità.

Perfettamente d'accordo sul verificare le caratteristiche: inutile prendere quelli con risoluzione VGA, decisamente troppo scarsa. Buoni risultati si hanno con quelli con risoluzione dichiarata di 5Mpx, anche perché quasi sempre l'indicazione della pubblicità si riferisce a valori interpolati, mentre quella reale è solo 1/4 di quanto promesso.

D'accordo anche sul controllo della luminosità su cui non si può intervenire, a meno che . . .
. . . a meno di sfruttare la lentezza con cui l'elettronica di gestione agisce sulla luce: un trucco è quello di illuminare per un istante al massimo e subito rimettere la normale luce. L'elettronica lenta prima abbassa la luminosità ed aumenta il contrasto poi, nel giro di alcuni secondi, corregge il controllo rialzando la luminosità con cui riprende l'immagine. Ora, basta scattare quando la luminosità ed il contrasto sono nella giusta quantità, una vera foto "al volo". :)
A parte queste acrobazie, alcuni strumenti hanno nel loro programma di gestione delle immagini anche un completo intervento sul colore, sul contrasto, sulla luminosità, ecc. Mi riferisco non solo ai carissimi Dino-Lite, ma anche agli ottimi ed economici HOT, che hanno un programma completo di tutto, 5 Mpx reali di risoluzione ed il collegamento diretto con il cellulare mediante cavo OTG.

2.JPG
2.JPG (85.46 KiB) Visto 2428 volte

Riguardo al collegamento con il cellulare, è comodissimo in quanto, pur essendo isolati in mezzo ad un bosco, permette di scattare micro foto ed immediatamente spedire l'immagine a chiunque per l'identificazione. In genere il collegamento viene effettuato mediante WiFi o cavo OTG,

3.JPG
3.JPG (38.7 KiB) Visto 2428 volte

:bye:
Andrea

URL: http://spazioinwind.libero.it/andrea_bosi/index.htm

Ogni oggetto ha la sua storia,
. . . io non vendo oggetti,
. . . . . . io racconto storie. (Enotria)

Avatar utente
Enotria
Messaggi: 203
Iscritto il: 27 gen 2013, 01:32
Nome: Andrea
Cognome: Bosi
Residenza(Prov): Ferrara (FE)
Località: Ferrara
Contatta:

Re: Un microscopio per studenti

Messaggio da Enotria » 24 ago 2017, 00:05

.

Di seguito, alcune immagini riprese con il microscopio digitale trattato nell'articolo e che mostrano alcuni dei molteplici argomenti che interessano i naturalisti e che sono trattati anche su questo Forum:

Mineralogia: un esempio di ripresa in "time-lapse" sulla formazione dei cristalli ripresi in tempo accelerato.

https://www.dropbox.com/s/ib8kie5l1hffm ... e.wmv?dl=0



Entomologia: particolari ed ingrandimenti
4.JPG
4.JPG (103.96 KiB) Visto 2352 volte


Filmati: collembolo che sguazza in mezzo al muschio

https://www.dropbox.com/s/4n2e2nzflz6lq ... o.wmv?dl=0



Fluorescenza: risposta del microscopio digitale a varie lunghezze d'onda della luce
Calcite_Willemite.JPG
Calcite_Willemite.JPG (39.93 KiB) Visto 2352 volte



Ma tanti altri sono gli utilizzi che sto provando con questi semplici microscopi: se siete interessati basta dirlo e continuiamo questa discussione.

Solo, vi ricordo sempre di valutare le immagini con un minimo di comprensione in rapporto al costo minimale di questa attrezzatura.



:bye:
Andrea

URL: http://spazioinwind.libero.it/andrea_bosi/index.htm

Ogni oggetto ha la sua storia,
. . . io non vendo oggetti,
. . . . . . io racconto storie. (Enotria)

Avatar utente
ricki51
Messaggi: 751
Iscritto il: 28 gen 2016, 15:47
Nome: Riccardo
Cognome: De Vivo
Residenza(Prov): Fidenza (PR)

Re: Un microscopio per studenti

Messaggio da ricki51 » 27 ago 2017, 12:48

Ciao Andrea, ti seguo da un po' e apprezzo molto la tua esperienza e competenza. Mi rivolgo quindi a te per un consiglio, perché magari nei semplici microscopi proposti in questa discussione vi è forse la soluzione ai miei problemi. La mia esigenza di ingrandimento è modesta: vorrei fotografare e documentare la variabilità nelle varie specie della dentellatura ialina nelle foglie del genere Epipactis. Sotto ti mostro ciò che dovrei realizzare: in pratica è un'inquadratura di circa 2,5 mm. In termini fotografici si tratterebbe di un rapporto di circa 10:1 con sensore Aps-c e 15:1 con sensore FF, quindi realizzabili anche con una reflex e un soffietto. Però la cosa è lunga e poco pratica e non la faccio quasi mai. Le foto sotto sono invece realizzate con una compatta collegata al computer e adattata sull'oculare di un microscopio: armamentario messo su da un amico con robusta spesa, con parecchi problemi e spesso qualità terribile, soprattutto per aberrazione cromatica (la foto sotto pare esserne priva perché l'ho lavorata per un quarto d'ora al computer!). A me una risoluzione di 5 megapixel andrebbe bene, quando si pubblica qualcosa le foto sono piccole, difficilmente si supera un'esigenza di 2-3 megapixel. Sarebbe importante una messa fuoco precisa ben regolabile, un sistema che non faccia perdere mezz'ora ogni foto, e un risultato di immagine ben comprensibile, ma niente di che come qualità fotografica assoluta. A occhio il sistema che ha ripreso l'insetto che mostri mi pare più che sufficiente per le mie esigenza. Cosa mi consigli, e magari sai anche dove comprare in rete bene! Grazie Riccardo
P.S.: nella seconda immagine ho sovrapposto io in Postproduzione un reticolo, con i quadrati arancio di 1/10 di mm e quelli interni neri di 1/100 di mm, così ti puoi rendere conto del tipo di inquadratura richiesta.
Allegati
micr.jpg
micr.jpg (121.04 KiB) Visto 2316 volte
micr_1.jpg
micr_1.jpg (168.47 KiB) Visto 2316 volte

Avatar utente
Enotria
Messaggi: 203
Iscritto il: 27 gen 2013, 01:32
Nome: Andrea
Cognome: Bosi
Residenza(Prov): Ferrara (FE)
Località: Ferrara
Contatta:

Re: Un microscopio per studenti

Messaggio da Enotria » 27 ago 2017, 23:16

.

Se il campo che desideri fotografare è di 2 mm, l'ingrandimento che ti serve è di 200x, una gran brutta misura. :non:

Il microscopio digitale di cui ho parlato finora ce la fa, ma è al limite. Certamente è molto comodo da usare e semplicissimo, ma non ti permette ingrandimenti più spinti.
Nulla da fare neppure con lo stereo microscopio, i 200x sono troppo fuori dalla sua portata.
Certamente andrebbe bene un microscopio biologico, purché con un obiettivo adatto ai nostri limiti: la qualità certamente ne guadagna, ma ci perdi in rapidità di utilizzo.

La soluzione migliore per te sarebbe inviarmi per Posta un paio di vetrini campione, con cui posso fare le varie prove e inviarti in visione le immagini.

Se invece vuoi tentare con il microscopio digitale, puoi provare quello che uso io normalmente ( modello Gamuttek o Crenova o UM012C, sono identici) oppure il micro HOT che puoi trovare come al solito su le varie Amazon o eBay.
Quest'ultimo è apparentemente migliore (5 Mpx reali, collegabile allo smartphone, ottima post produzione, vedi foto 3), ma a me è cordialmente antipatico (lui vuole fare le cose a modo suo !). Comunque ti metto un paio di sue foto fatte durante le mie prove (singole foto, no stack):


OTG_1.jpg
OTG_1.jpg (89.88 KiB) Visto 2304 volte
1600.jpg
1600.jpg (94.4 KiB) Visto 2304 volte

:bye:
Andrea

URL: http://spazioinwind.libero.it/andrea_bosi/index.htm

Ogni oggetto ha la sua storia,
. . . io non vendo oggetti,
. . . . . . io racconto storie. (Enotria)

Avatar utente
ricki51
Messaggi: 751
Iscritto il: 28 gen 2016, 15:47
Nome: Riccardo
Cognome: De Vivo
Residenza(Prov): Fidenza (PR)

Re: Un microscopio per studenti

Messaggio da ricki51 » 28 ago 2017, 14:43

Grazie Andrea, con le tue spiegazioni mi sono fatto almeno un'idea in un campo in cui sono davvero totalmente ignorante. Per esempio non avevo proprio idea che per una inquadratura di due mm servisse un 200x, pensavo molto meno. Visto il costo complessivamente contenuto delle attrezzature da te descritte, penso proprio che ne acquisterò una, per iniziare a farmi un'esperienza e vedere gli sbocchi, in relazione alle mie esigenze. Di nuovo grazie e un saluto, Riccardo

Avatar utente
Enotria
Messaggi: 203
Iscritto il: 27 gen 2013, 01:32
Nome: Andrea
Cognome: Bosi
Residenza(Prov): Ferrara (FE)
Località: Ferrara
Contatta:

Re: Un microscopio per studenti

Messaggio da Enotria » 29 ago 2017, 00:21

.

Aggiungiamo qualche altra curiosità sui microscopi digitali.

In modo molto semplice possono venir trasformati per visualizzare la luce infrarossa. La modifica consiste nell'eliminare il filtro IR ed, essendo la modifica irreversibile, conviene farlo su di un microscopio di quelli da poco, quelli che si trovano con una spesa di 10 Euro o meno.

IR.jpg
IR.jpg (40.27 KiB) Visto 2275 volte

Si toglie l'anello plastico trasparente, si sposta la messa a fuoco in modo che la lente fuoriesca in basso e possa venir presa con la punta delle dita, si svita il gruppo ottico, con un cacciavite si toglie o si rompe il filtro che blocca i raggi IR.

Poi è solo questione della vostra fantasia: potete usarlo per vedere se il telecomando del TV funziona regolarmente o per esaminare un documento alla ricerca di falsificazioni, o per tante altre belle cosine.

IR_3.JPG
IR_3.JPG (29.11 KiB) Visto 2275 volte
Qui, ad esempio, si vede come la scritta di 100 Euro sia stata modificata a posteriori in 1000 Euro: i raggi IR ci mostrano la falsificazione. :non:

Magari potete scoprire che sotto al quadro che vi ha regalato zia Clotilde, si nasconde un dipinto di Caravaggio, hai visto mai ?



:bye:
Andrea

URL: http://spazioinwind.libero.it/andrea_bosi/index.htm

Ogni oggetto ha la sua storia,
. . . io non vendo oggetti,
. . . . . . io racconto storie. (Enotria)

Rispondi

Torna a “Gli strumenti del naturalista”