Carex flacca Schreb. {ID 1684}

Contributi sulla flora italiana pubblicati in Actaplantarum (sola lettura)
Regole del forum
I messaggi di questo forum costituiscono una preziosa documentazione della presenza allo stato spontaneo della flora italiana ordinata in base alla data del rinvenimento, sequenza che verrebbe alterata da qualsiasi intervento successivo, ammissibile SOLO in caso di errori nella determinazione. Per segnalare errori inviate un messaggio nel forum "Correzioni e modifiche ad Archivio floristico" ricopiando il Topic_id che trovate in cima a ogni topic dell'Archivio
Rispondi
Topic_id: 101159
entheos
Messaggi: 4532
Iscritto il: 08 lug 2010, 14:43
Nome: Franco
Cognome: Caldararo
Residenza(Prov): Fardella (PZ)
Località: Fardella (Potenza)

Carex flacca Schreb. {ID 1684}

Messaggio da entheos » 01 mar 2018, 16:12

Carex flacca Schreb.
Cyperaceae: Carice glauca
Piano Ruggio (PZ), 1520 m, ago 2016
Foto di Franco Caldararo

In una prateria umida, riferibile verosimilmente al Blysmo-Juncetum depauperati.

Sarei arrivato a Carex acutiformis, ma desidererei una conferma (o smentita).
Allegati
Carex_flacca_09_08_2016_P_Ruggio_2.jpg
Carex_flacca_09_08_2016_P_Ruggio_2.jpg (42.46 KiB) Visto 100 volte
Carex_flacca_09_08_2016_P_Ruggio_5.jpg
Carex_flacca_09_08_2016_P_Ruggio_5.jpg (45.06 KiB) Visto 100 volte
Fare del mondo una sola famiglia. (Guido Maria Conforti)

entheos
Messaggi: 4532
Iscritto il: 08 lug 2010, 14:43
Nome: Franco
Cognome: Caldararo
Residenza(Prov): Fardella (PZ)
Località: Fardella (Potenza)

Re: Carex flacca Schreb. {ID 1684}

Messaggio da entheos » 01 mar 2018, 16:14

Idem
Allegati
Carex_flacca_09_08_2016_P_Ruggio_8.jpg
Carex_flacca_09_08_2016_P_Ruggio_8.jpg (57.92 KiB) Visto 99 volte
Carex_flacca_09_08_2016_P_Ruggio_11.jpg
Carex_flacca_09_08_2016_P_Ruggio_11.jpg (87.21 KiB) Visto 99 volte
Fare del mondo una sola famiglia. (Guido Maria Conforti)

entheos
Messaggi: 4532
Iscritto il: 08 lug 2010, 14:43
Nome: Franco
Cognome: Caldararo
Residenza(Prov): Fardella (PZ)
Località: Fardella (Potenza)

Re: Carex flacca Schreb. {ID 1684}

Messaggio da entheos » 01 mar 2018, 16:14

Idem

otricelli con tre stimmi
Allegati
Carex_flacca_09_08_2016_P_Ruggio_17.jpg
Carex_flacca_09_08_2016_P_Ruggio_17.jpg (64.03 KiB) Visto 98 volte
Carex_flacca_09_08_2016_P_Ruggio_14.jpg
Carex_flacca_09_08_2016_P_Ruggio_14.jpg (34.27 KiB) Visto 91 volte
Fare del mondo una sola famiglia. (Guido Maria Conforti)

Avatar utente
Alessandro
Moderatore
Messaggi: 3799
Iscritto il: 16 nov 2009, 23:24
Nome: Alessandro
Cognome: Federici
Residenza(Prov): Esine (BS)

Re: Carex flacca Schreb. {ID 1684}

Messaggio da Alessandro » 01 mar 2018, 21:51

Carex flacca ?
:bye:
Alessandro Federici

Avatar utente
F. Fen.
Moderatore
Messaggi: 13261
Iscritto il: 04 feb 2008, 20:44
Nome: Franco
Cognome: Fenaroli
Residenza(Prov): Brescia (BS)
Località: Brescia

Re: Carex flacca Schreb. {ID 1684}

Messaggio da F. Fen. » 01 mar 2018, 22:07

Idem; le spighette di C. acutiformis sono sessili, pressoché prive di peduncolo.
:bye: franco
La teoria del tutto, ovvero perché l'universo esiste: se trovassimo la risposta decreteremmo il definitivo trionfo della ragione umana poiché allora conosceremmo il pensiero stesso di Dio.
Stephen W. Hawking

entheos
Messaggi: 4532
Iscritto il: 08 lug 2010, 14:43
Nome: Franco
Cognome: Caldararo
Residenza(Prov): Fardella (PZ)
Località: Fardella (Potenza)

Re: Carex flacca Schreb. {ID 1684}

Messaggio da entheos » 02 mar 2018, 20:50

Sono stato a lungo dubbioso prima di escludere C. flacca e l'ho fatto perchè i suoi otricelli dovrebbero essere bicompressi a scudo, mentre qui mi sembravano piuttosto rigonfi e vuoti al loro interno; inoltre ho visto C. flacca sempre come specie di prati aridi, garighe, macchie, leccete, boscaglie, ecc., mentre qui si tratta di una prateria perennemente umida (il livello dell'acqua è di alcuni cm per buona parte dell'anno). Riguardo, poi, ai peduncoli delle spighe femminili, alcune immagini in rete li danno alquanto allungati (cfr. ad esempio http://fleursauvageyonne.github.io/flsv ... arexac.htm - http://www.environmentdata.org/archive/fbaia:2302/OBJ).
Solo ora, in seguito al vostro parere, mi vado convincendo ... :wall:
Un carattere che non tornava propio era la forma dell'otricello, che in C. acutiformis dovrebbe essere a fiasco con larghezza max ad 1/3 dalla base e poi progressivamente ristretto nel becco breve; al contrario nel mio caso gli otricelli sono ben congruenti a quanto rappresentato nell'iconografia di C. flacca del Pignatti.
Perciò grazie di vero cuore ad Alessandro e Franco, per il loro aiuto prezioso più dell'oro.
:bye:
Franco
Fare del mondo una sola famiglia. (Guido Maria Conforti)

Rispondi

Torna a “Archivio floristico”