Pagina 1 di 1

Seseli libanotis (L.) W.D.J. Koch {ID 7186}

Inviato: 27 set 2019, 12:00
da daniele.carbini
Apiaceae: Finocchiella maggiore, Seseli libanotide
Col dei Rossi Alba di Canazei (TN), 2375 m, lug 2019
Foto di Daniele Carbini


Forse Pachypleurum mutellinoides (Crantz) Holub
ma dovrebbe avere il fusto indiviso ...
_21 (FILEminimizer).JPG
_21 (FILEminimizer).JPG (59.46 KiB) Visto 1158 volte
_22 (FILEminimizer).JPG
_22 (FILEminimizer).JPG (60.01 KiB) Visto 1158 volte

Re: Seseli libanotis (L.) W.D.J. Koch

Inviato: 27 set 2019, 12:02
da daniele.carbini
foto 3-4
_23 (FILEminimizer).JPG
_23 (FILEminimizer).JPG (46.21 KiB) Visto 1157 volte
_24 (FILEminimizer).JPG
_24 (FILEminimizer).JPG (46.07 KiB) Visto 1157 volte

Re: Seseli libanotis (L.) W.D.J. Koch

Inviato: 27 set 2019, 12:03
da daniele.carbini
foto 5-6
_25 (FILEminimizer).JPG
_25 (FILEminimizer).JPG (71.83 KiB) Visto 1156 volte
_26 (FILEminimizer).JPG
_26 (FILEminimizer).JPG (80.87 KiB) Visto 1156 volte

Re: Seseli libanotis (L.) W.D.J. Koch

Inviato: 27 set 2019, 21:08
da Alessandro
Pleurospermum austriacum ? Non saprei.... resto sintonizzato

Re: Seseli libanotis (L.) W.D.J. Koch

Inviato: 27 set 2019, 21:54
da F. Fen.
Alessandro ha scritto:
27 set 2019, 21:08
Pleurospermum austriacum ? Non saprei.... resto sintonizzato
E' uno dei taxa papabili ma qui si vedono solo parti della pianta, non la pianta intera. Un'altra molto simile a quella proposta è Grafia golaka ma........
Pure io resto sintonizzato avendo concluso entrambi i miei sospetti.
:bye: franco

Re: Seseli libanotis (L.) W.D.J. Koch

Inviato: 28 set 2019, 19:20
da Merli Marco
No non è Pleurospermum e nemmeno Grafia......

Ciao Marco

Re: Seseli libanotis (L.) W.D.J. Koch

Inviato: 29 set 2019, 19:26
da daniele.carbini
La pianta era su prato aperto-pascolo sassoso ed aveva una altezza di circa 25 cm.
Scusatemi per la superficialità, la fretta è cattiva consigliera
:wall:
grazie per i vostri sforzi
Daniele

Re: Seseli libanotis (L.) W.D.J. Koch

Inviato: 15 ott 2019, 19:14
da Merli Marco
Andrei con molta prudenza.....Pachyleurum mutellinoides presenta altre caratteristiche ovvero NON ha di norma foglie cauline e nemmeno ramificazioni, da foto non interpreto bene l' altezza della pianta ma mi sembra relativamente alta, per tanto......

Seseli libanotis ;)

Ciao Marco

Re: Seseli libanotis (L.) W.D.J. Koch

Inviato: 15 ott 2019, 20:22
da Alessandro
Credo che Marco ha visto bene vedi a questo Link https://bgflora.net/families/apiaceae/s ... _5_en.html

Re: Seseli libanotis (L.) W.D.J. Koch

Inviato: 15 ott 2019, 20:41
da F. Fen.
Merli Marco ha scritto:
15 ott 2019, 19:14
..................................
Seseli libanotis ;)

Ciao Marco
Può senz'altro essere, non l'ho presente in tutta la sua variabilità perché nel BG-BS non l'abbiamo mai vista. Osservata ed Hb moltissimi anni fa con F. Martini in FVG e sui M.ti Velebit nella ex Jugoslavia. Mi ricordo che era una pianta molto robusta, alta non meno di 50 cm, con ombrelle molto ampie.
Purtroppo le IMG proposte non mi hanno aiutato a "ravanare" nei ricordi.... :D
:bye: franco

Re: Seseli libanotis (L.) W.D.J. Koch

Inviato: 15 ott 2019, 20:49
da Merli Marco
Ok Franco, oltre una certa quota Seseli libanotis resta piccola come appunto nella zona del post dove risulta abbondante
La quota massima osservata in Trentino per questa Apiacea è a 2442 m. per tanto poco più in alto della foto del post, ovvero siamo al limite delle capacità di questa specie, per tanto li è ridotta come è ovvio che sia

Ciao Marco

Re: Seseli libanotis (L.) W.D.J. Koch {ID 7186}

Inviato: 22 ott 2019, 20:39
da Umberto Ferrando
La penso come Marco Merli, per me è Seseli libanotis, oltretutto la pianta è in uno stadio che precede (di poco) l'antesi e i fusti tenderanno ad allungarsi, almeno fino alla maturazione dei frutti... In quanto alla plasticità ecologica direi che è abbastanza estrema, qui nella mia zona io l'ho osservata in ambiente rupestre a bassa quota (450 m) assieme a una specie molto termofila come Rhamnus alaternus L. e sulle Alpi Liguri (Monte Pepino) a oltre 2200 m in pascoli subalpini calcicoli... tra l'altro segnalo che nei Pirenei orientali è sta rinvenuta fino a 2940 m di altitudine. Le bratte segnalate da Filiberto sono quelle dell'involucro (lunghe e con margine scarioso più chiaro) ma nelle foto si vedono principalmente quelle degli involucelli, che ora sono quasi appressate ai fiori, ma all'antesi diventeranno riflesse.

Ciao
Umberto