Pagina 1 di 1

Primula albenensis Banfi & Ferl. {ID 6157}

Inviato: 12 mag 2015, 19:54
da Luca Ghitti
Primula albenensis Banfi & Ferl.
Primulaceae: Primula del Monte Alben
Valle d'Ancogno - Valtorta (BG), 1000 m, mag 2015.
Foto di Luca Ghitti

Splendido endemismo orobico. La valle d'Ancogno è una meravigliosa valle quasi sconosciuta, laterale della Valtorta (BG). Il torrente forma delle bellissime cascatelle, salti, marmitte dei giganti che si possono osservare lungo il sentiero. Si tratta veramente di un paradiso per i naturalisti.

Re: Primula albenensis Banfi & Ferl.

Inviato: 12 mag 2015, 19:55
da Luca Ghitti
Primula albenensis Banfi & Ferl.
Primulaceae: Primula del Monte Alben
Valle d'Ancogno - Valtorta (BG), 1000 m, mag 2015.
Foto di Luca Ghitti

Re: Primula albenensis Banfi & Ferl.

Inviato: 12 mag 2015, 19:56
da Luca Ghitti
Primula albenensis Banfi & Ferl.
Primulaceae: Primula del Monte Alben
Valle d'Ancogno - Valtorta (BG), 1000 m, mag 2015.
Foto di Luca Ghitti

Re: Primula albenensis Banfi & Ferl.

Inviato: 12 mag 2015, 19:57
da Luca Ghitti
Primula albenensis Banfi & Ferl.
Primulaceae: Primula del Monte Alben
Valle d'Ancogno - Valtorta (BG), 1000 m, mag 2015.
Foto di Luca Ghitti

Re: Primula albenensis Banfi & Ferl.

Inviato: 12 mag 2015, 19:58
da Luca Ghitti
Primula albenensis Banfi & Ferl.
Primulaceae: Primula del Monte Alben
Valle d'Ancogno - Valtorta (BG), 1000 m, mag 2015.
Foto di Luca Ghitti

Re: Primula albenensis Banfi & Ferl.

Inviato: 12 mag 2015, 22:01
da cinerino
Come distinguerla da hirsuta? Mi sembrano molto simili
:bye:

Re: Primula albenensis Banfi & Ferl.

Inviato: 13 mag 2015, 22:01
da Papic
La domanda di Cinerino in effetti è del tutto legittima: ricordo, in sede di ricerca bibliografica (se la memoria non mi inganna, sono passati un po' di anni...) che una prima "ipotesi" di una forma quantomeno differente apparve addirittura nella monumentale opera di Reichenbach, credo l'Icones Florae germanicae (primo Ottocento). In una tavola che riassumeva la straordinaria variabilità morfologica delle foglie di P. hirsuta veniva riportata una, citata proprio per il gruppo del M Alben.
Dunque è possibile che P. albenensis sia stata in realtà più volte "osservata" e inserita nella variabilità di P. hirsuta.
detto questo, alcuni caratteri di immediato riconoscimento:
- la farinosità molto accentuata di foglie, fiori (fauce) e calice), che conferisce (flavonoidi) un caratteristico odore, aromatico e persistente anche nel secco (non occorre strofinarla, basta avvicinarsi per scattare una macro...)
- la colorazione più tenue, quasi rosea, delle corolle (invece di toni molto più carichi)
- le foglie, in genere con picciolo nettamente distinto dal lembo fogliare, e con denti grossolani, irregolari (P hirsuta, soprattutto nelle forme ridotte, ha foglie con dentelli molto piccoli o addirittura margine quasi intero)
Un saluto
Paolo