Liparis loeselii (L.) Rich. {ID 4788}

Contributi sulla flora italiana pubblicati in Actaplantarum (sola lettura)
Regole del forum
I messaggi di questo forum costituiscono una preziosa documentazione della presenza allo stato spontaneo della flora italiana ordinata in base alla data del rinvenimento, sequenza che verrebbe alterata da qualsiasi intervento successivo, ammissibile SOLO in caso di errori nella determinazione. Per segnalare errori inviate un messaggio nel forum "Correzioni e modifiche ad Archivio floristico" ricopiando il Topic_id che trovate in cima a ogni topic dell'Archivio
Rispondi
Topic_id: 76859
Luca Tosetto
Messaggi: 373
Iscritto il: 19 feb 2011, 00:22
Nome: Luca
Cognome: Tosetto
Residenza(Prov): Casale di Scodosia (PD)

Liparis loeselii (L.) Rich. {ID 4788}

Messaggio da Luca Tosetto » 23 giu 2015, 01:10

Liparis loeselii L.
Orchidaceae: Liparide
Soave di Porto Mantovano (MN), 19 m, giu 2015
Foto di Luca Tosetto

Riconfermata la presenza della Liparis loeselii nel mantovano (le ultime segnalazioni risalivano all' 800), probabilmente nella quota più bassa mai raggiunta da questa specie in Italia. Un solo esemplare in fiore!
Allegati
P1240308 (Small).JPG
P1240308 (Small).JPG (54.14 KiB) Visto 1259 volte
P1240309 (Small).JPG
P1240309 (Small).JPG (40.38 KiB) Visto 1259 volte
Ultima modifica di Luca Tosetto il 01 gen 1970, 02:00, modificato 0 volte in totale.
Motivazione: {Italia - 2 - 53 - 0}

Umberto Ferrando
Moderatore
Messaggi: 4578
Iscritto il: 22 nov 2007, 15:28
Nome: Umberto
Cognome: Ferrando
Residenza(Prov): Mele (GE)

Re: Liparis loeselii (L.) Rich.

Messaggio da Umberto Ferrando » 23 giu 2015, 01:15

Bellissima notizia questa riconferma, di per sé la quota non è un elemento così rilevante, considerando che si tratta comunque di una specie tendenzialmente planiziale (ha una certa predilezione per i climi continentali o continentalizzati e ha bisogno di estati relativamente calde e umide per completare il suo ciclo vitale) ne è nota la presenza storica in ambiente costiero mediterraneo in Provenza e ne esiste tuttora una stazione in una zona planiziale sublitoranea della Corsica.

Nelle zone di pianura è scomparsa quasi ovunque per effetto di bonifiche, captazioni e sopratutto per eutrofizzazione di acque e suoli, nelle aree montane l'impatto antropico è stato meno devastante.

Ciao
Umberto

Rispondi

Torna a “Archivio floristico”