Pagina 1 di 1

Limniris pseudacorus (L.) Fuss {ID 4211} - Giaggiolo acquatico

Inviato: 10 mag 2009, 20:52
da Marinella Zepigi
Limniris pseudacorus (L.) Fuss
Fl. Transsilv.: 636 (1866)

Iris pseudacorus L., Xiphion pseudacorus (L.) Schrank

Iridaceae

Giaggiolo acquatico, Iris acquatica, Spadone, Coltellacci, Giglio d'acqua, Acoro falso, Acoro adulterino, Yellow flag, Iris faux acore

Forma Biologica: G rhiz - Geofite rizomatose. Piante con un particolare fusto sotterraneo, detto rizoma, che ogni anno emette radici e fusti avventizi.

Descrizione: Pianta perenne, erbacea, che si diparte da un grosso rizoma ramificato; fusti rigidi, eretti, cilindrico-compressi, in genere sovrastano di poco le foglie, altezza 50-100 cm.
Le foglie di colore grigio-verdastro, sono spadiformi, erette, acuminate, parallelinervie, con nervatura mediana sporgente, sono ripiegate longitudinalmente lungo la nervatura mediana in modo che le due metà aderiscono fra di loro salvo nella parte inferiore dove, essendo distaccate, formano una sorta di guaina . Le foglie cauline sono simili ma abbreviate.
I fiori inodori, sono raccolti a gruppi di 3÷5 elementi, all'ascella di grandi brattee verdi (spate) sono portati da un peduncolo avvolto da una spata membranosa.
La morfologia è piuttosto complessa, essendo il fiore formato da due verticilli di 3 tepali ciascuno posti in posizione alternata. Il verticillo esterno è formato da grandi tepali che nella parte distale si ripiegano verso il basso e sono screziati di marrone. I 3 tepali interni sono più piccoli di forma allungata e rivolti verso l’alto. I tepali sono nella parte basale saldati a formare un breve tratto tubuloso. L’ovario è infero, triloculare e ha uno stilo diviso in 3 lobi di forma petaloide di colore giallo che, coprendo i tre stami, impediscono l’autofecondazione e contribuiscono all’aspetto vessillifero. L'lmpollinazione è tipicamente entomofila con una architettura complessiva del fiore che indirizza le api verso i nettari, strofinandosi sotto i grandi stami, tuttavia è una pianta completamente priva di profumo, viene impollinata dalle api, dai bombi e dal Sirfide Rhingia rostrata
I frutti sono grandi capsule loculicide triloculari, di 4-7 cm, pendule e fusiformi, contenenti numerosi semi piatti, brunastri.

Tipo corologico: Eurasiat. - Eurasiatiche in senso stretto, dall'Europa al Giappone.
Eurosiber. - Zone fredde e temperato-fredde dell'Eurasia.

Antesi: aprile÷giugno

Habitat: Fossi, canali, argini, si associa generalmente alle canne nelle zone paludose delle sponde del laghi, su terreni umidi e melmosi o in acque poco profonde. Specie minacciata per la progressiva distruzione dell'habitat. 0÷1.000 m s.l.m.

Immagine


Tassonomia filogenetica

Immagine


______________________________________________________________________________

Etimologia: Il nome del genere deriva dal greco λίμνη límne palude e da φίλος phílos amico: amante delle paludi e da un nome usato da Teofrasto (IV sec. a.C.) 'iris' = arcobaleno, per le varie e vivaci tonalità dei fiori nelle specie del genere. Il nome specifico si riferisce alla somiglianza con Acorus calamus (Araceae) con cui veniva confuso in passato, specie anch'essa acquatica e simile nell'habitus.

Proprietà ed utilizzi: Immagine Specie officinale tossica

Pianta emmenagoga, astringente, odontalgica, emetica.
In passato pianta molto usata per le sue proprietà astringenti, come emostatico con il nome di “Acoro falso”. La polvere, ricavata dalle radici triturate veniva usata per le proprietà sternutatorie e come purgante.
Il rizoma fresco contiene irisina, un polisaccaride. È pianta velenosa: la linfa della pianta, dal gusto piccante, provoca vomito e diarrea accompagnata da coliche.
Il rizoma contiene una quantità considerevole di tannino, nel passato utilizzato per la concia delle pelli. Mescolato a sali di ferro dà una tintura nera.
I semi torrefatti, venivano usati come succedaneo del caffè.

Curiosità: Abbastanza recentemente è stata accertata la capacità di Limniris pseudacorus di assorbire ed accumulare nei propri rizomi i metalli pesanti presenti in acque inquinate.
Gli antichi Romani la ritenevano una pianta purificatrice e la chiamavano consecratix, la sua estrazione dal terreno doveva essere fatta seguendo uno specifico cerimoniale.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, decliniamo pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.
______________________________________________________________________________

Principali Fonti
PIGNATTI S., 1982. Flora d'Italia.Edagricole, Bologna.
CONTI F., ABBATE G., ALESSANDRINI A., BLASI C., 2005. An Annotated Checklist of the Italian Vascular Flora. Palombi, Roma.
AESCHIMANN D., LAUBER K., MOSER D., THEURILLAT J.P., 2004. Flora alpina. Ediz. italiana: Bologna, Zanichelli.
BOWN. D., 1995 . Encyclopaedia of Herbs and their Uses. Dorling Kindersley, London.
TRISKA J. La flora d'Europa. Melita, La Spezia 1990.
AGRADI A., REGONDI S., ROTTI G., 2005. Conoscere le piante medicinali. Mediservice, Cologno Monzese (MI).


Scheda realizzata da Marinella Zepigi e Cinzia Fracasso

Re: Iris pseudacorus L. - Giaggiolo acquatico

Inviato: 19 mag 2009, 23:54
da Giuliano
Iris pseudacorus L.
Iridaceae:Giaggiolo acquatico

Luni (Sp) apr 2006
Foto di Giuliano Salvai

Re: Iris pseudacorus L. - Giaggiolo acquatico

Inviato: 19 mag 2009, 23:55
da Giuliano
Iris pseudacorus L.
Iridaceae:Giaggiolo acquatico

Luni (Sp) apr 2006
Foto di Giuliano Salvai

Re: Iris pseudacorus L. - Giaggiolo acquatico

Inviato: 19 mag 2009, 23:56
da Giuliano
Iris pseudacorus L.
Iridaceae:Giaggiolo acquatico

Luni (Sp) apr 2006
Foto di Giuliano Salvai

Re: Iris pseudacorus L. - Giaggiolo acquatico

Inviato: 19 mag 2009, 23:58
da Giuliano
Iris pseudacorus L.
Iridaceae:Giaggiolo acquatico

Luni (Sp) apr 2006
Foto di Giuliano Salvai

Re: Iris pseudacorus L. - Giaggiolo acquatico

Inviato: 12 ott 2009, 13:39
da Anja
Iris pseudacorus L.
Valmorèl, Limana (BL), 800 m, mag 2009
Foto di Aldo De Bastiani
Iris_pseud1.JPG
Iris_pseud1.JPG (108.78 KiB) Visto 6275 volte

Re: Iris pseudacorus L. - Giaggiolo acquatico

Inviato: 12 ott 2009, 13:42
da Anja
Iris pseudacorus L.
Valmorèl, Limana (BL), 800 m, mag 2009
Foto di Aldo De Bastiani
Iris_pseud2.JPG
Iris_pseud2.JPG (108.34 KiB) Visto 6270 volte

Re: Iris pseudacorus L. - Giaggiolo acquatico

Inviato: 07 mar 2011, 21:09
da Anja
Iris pseudacorus L.

Fontana Pradosa (Castelsangiovanni - PC), 70 m, mag 2009
Foto di Enrico Romani
Iris_pseudacorus_10655_49552.jpg
Iris_pseudacorus_10655_49552.jpg (103.97 KiB) Visto 6025 volte

Re: Iris pseudacorus L. - Giaggiolo acquatico

Inviato: 23 giu 2011, 18:11
da Anja
Iris pseudacorus L.

Galzignano Terme (PD), 20 m, giu 2011
Foto di Marco Banzato

Capsule immature
iris%20preudacorus%20capsule%20(1).JPG
iris%20preudacorus%20capsule%20(1).JPG (165.17 KiB) Visto 5863 volte

Re: Iris pseudacorus L. - Giaggiolo acquatico

Inviato: 23 giu 2011, 18:13
da Anja
Iris pseudacorus L.

Galzignano Terme (PD), 20 m, giu 2011
Foto di Marco Banzato
iris%20preudacorus%20capsule%20(2).JPG
iris%20preudacorus%20capsule%20(2).JPG (152.81 KiB) Visto 5863 volte

Re: Iris pseudacorus L. - Giaggiolo acquatico

Inviato: 27 giu 2013, 09:13
da Marinella Zepigi
Iris pseudacorus L.
Iridaceae: Giaggiolo acquatico
Prato (PO), giu 2013
Foto di Nino Messina

Re: Iris pseudacorus L. - Giaggiolo acquatico

Inviato: 09 giu 2014, 00:08
da Anja
Iris pseudacorus L.

Sorico (CO), 200 m, ago 2013
Foto di Pierfranco Arrigoni
Iris_pseudacorus_54181_249010.jpg
Iris_pseudacorus_54181_249010.jpg (128.44 KiB) Visto 4602 volte

Re: Iris pseudacorus L. - Giaggiolo acquatico

Inviato: 09 giu 2014, 00:12
da Anja
Iris pseudacorus L.

S. Agata Bolognese (BO), 20 m, mag 2014
Foto di Roberta Alberti
Iris_pseudacorus_62209_284555.jpg
Iris_pseudacorus_62209_284555.jpg (139.34 KiB) Visto 4602 volte