Pagina 1 di 1

Gypsophila vaccaria (L.) Sm. {ID 8065} - Cetino dei campi

Inviato: 08 feb 2008, 14:28
da GiovanniG
Gypsophila vaccaria (L.) Sm.
in Sibth. et Sm., Fl. Graec. Prodr. 1: 279 (1809)

Basionimo: Saponaria vaccaria L.
Altri sinonimi: Saponaria vaccaria var. grandiflora Fisch. ex Ser., Vaccaria hispanica (Mill.) Rauschert, Saponaria hispanica Mill., Vaccaria pyramidata Medik., Saponaria vaccaria var. grandiflora Ser. in DC., Vaccaria hispanica subsp. grandiflora (Ser.) Holub

Caryophyllaceae

Cetino dei campi, Vaccaria di Spagna

Forma Biologica: T scap - Terofite scapose. Piante annue con asse fiorale allungato, spesso privo di foglie.

Descrizione: Pianta alta 30- 60 cm, glabra e glauca, a fusto eretto, foglioso e ramoso in alto; foglie oblungo-lanceolate, sessili, opposte e saldate insieme 2 a 2, con 1 evidente nervatura, lunghe fino a 10 cm e ridotte verso l'alto; fiori peduncolati e in lasse cime dicotome, a petali rosei, bilobi e lunghi fino a 2 cm; calice tubuloso a 5 angoli alati e denti triangolari; il frutto è una capsula ovoide deiscente per 4 corti denti apicali e lunga fino a 8 mm: contiene alcuni semi lisci e neri di 2-2,5 mm.

Tipo corologico: W-Asiatica - Asia occidentale.

Antesi: Maggio-Luglio

Distribuzione in Italia: Specie rara e in forte regresso in tutto il territorio.

Habitat: Ruderale e dei campi coltivati, soprattutto su terreno calcareo e/o argilloso.
Normalmente vegeta dalla pianura alla collina, ma può superare i 1500 m di altitudine.

Immagine


Tassonomia filogenetica

Immagine


______________________________________________________________________________

Etimologia: Il nome generico deriva dal greco γύψος gýpsos gesso e da φίλος phílos amico, amante: per l’habitat costituito da substrati calcarei.
L'epiteto deriva dal latino “vacca”, in quanto pianta ritenuta stimolante la secrezione del latte.

Curiosità: Chi scrive l'ha incontrata in un campo di grano su terreno pesante.

Attenzione: E' iscritta nelle Liste Rosse Regionali: Veneto e Toscana: dati insufficienti (DD); Marche, Umbria e Lazio: minor rischio (LR); Abruzzo e Sardegna: vulnerabile (VU).
______________________________________________________________________________

Principali Fonti
CONTI F., ABBATE G., ALESSANDRINI A., BLASI C., 2005 – Checklist of the Italian Vascular Flora. Roma
CONTI F., MANZI A., PEDROTTI F., 1997 – Liste Rosse Regionali delle Piante d'Italia. Univ. Camerino.
COSTE H., 1937 – Flore descriptive et illustrée de la France, de la Corse et des contrées limitrophes. Nouvel tirage 1998, 3 tomes. Paris.
FOURNIER P., 1946 – Les quatre flores de la France, Paris
PIGNATTI S., 1982 – Flora d'Italia. Bologna


Scheda realizzata da Giovanni Gestri

Foto di G.Gestri, Galceti (PO), maggio 2006

Re: Vaccaria hispanica (Mill.) Rauschert

Inviato: 08 feb 2008, 14:29
da GiovanniG
Foto di G.Gestri, Galceti (PO), mag 2006

Re: Vaccaria hispanica (Mill.) Rauschert

Inviato: 08 feb 2008, 14:30
da GiovanniG
Foto di G.Gestri, Galceti (PO), mag 2006

Re: Vaccaria hispanica (Mill.) Rauschert

Inviato: 08 feb 2008, 14:31
da GiovanniG
Foto di G.Gestri, Galceti (PO), mag 2007

Re: Vaccaria hispanica (Mill.) Rauschert

Inviato: 08 feb 2008, 14:32
da GiovanniG
Foto di G.Gestri, Galceti (PO), mag 2007

Re: Vaccaria hispanica (Mill.) Rauschert

Inviato: 08 feb 2008, 14:37
da GiovanniG
Foto di G.Gestri, 8-2-08

Attenzione: la capsula non è visibile perché coperta dal calice essiccato !