Pagina 1 di 1

Sempervivum arachnoideum L. {ID 7080} - Semprevivo ragnateloso

Inviato: 15 mar 2008, 23:08
da effegua
Sempervivum arachnoideum L.
Sp. Pl.: 465 (1753)

Sempervivum doellianum Lehm., Sempervivum arachnoideum subsp. tomentosum (C.B. Lehm. & Schnittsp.) Schinz & Thell., Sempervivum pumilum Ten., Sempervivum tomentosum C.B. Lehm. et Schnittsp.

Crassulaceae

Semprevivo ragnateloso

Forma Biologica: Ch succ - Camefite succulente. Piante di ambienti aridi, con gemme perennanti poste a non più di 20 cm dal suolo e con foglie o fusti, o tutti e due, adattati a funzionare da riserve d'acqua.

Descrizione: Pianta succulenta perenne con foglie riunite in rosette basali. E' il più piccolo tra i Semprevivi italiani, caratterizzato dalla ragnatela densa di peli che ricopre la parte centrale delle rosette basali

Rosette basali: piccole, diametro 0,5-2,5 cm, ovoidi, più o meno appiattite, formate da foglie ovato-allungate. Le rosette hanno la parte centrale tipicamente ricoperta da una più o meno fitta ragnatela di peli bianchi e lanuginosi che ha dato il nome alla specie.

Foglie: le basali carnose, ovato-lanceolate, carenate, con la larghezza massima nella metà inferiore, 2-4 X 7-15 mm, spesso arrossate nella parte superiore. Le foglie cauline sono arrossate e lanceolate, leggermente maggiori delle basali. Tutte le foglie sono ricoperte sulle facce e sul bordo da corti peli ghiandolari.

Fusto: all'antesi alto 5-12 (15) cm

Fiori: attinomorfi, con 8-10 petali patenti di colore rosa-rosso violaceo più o meno intenso ma sempre solcati centralmente da una nervatura più scura. I fiori in numero di 3-8 per scapo, piuttosto piccoli (max 2 cm di diametro). Il rapporto tra larghezza e lunghezza dei petali è maggiore rispetto a quello delle specie più simili (S. montanume e S. tectorum), rendendo i petali più ovali che lineari.

Frutti: numerosi follicoli sormontati dallo stilo persistente e con numerosi semi piriformi e alveolati.

Tipo corologico: Orof. S-Europ. - Orofita sud-europea (catene dell'Europa meridionale, dalla Penisola Iberica, Alpi, ai Balcani ed eventualmente Caucaso o Anatolia).
Orof. SW-Europ. - Orofita sudovest-europea, con areale gravitante specialmente sulla Penisola Iberica (talora anche Massiccio Centrale); rara o mancante nei Balcani.

Antesi: Giugno - settembre

Distribuzione in Italia: Diffuso in gran parte d'Italia, con l'esclusione dell'estremo Sud e isole. E' comune sulle Alpi e sull'Appennino, con una distribuzione altitudinale molto ampia, da 500 ad oltre 3000 metri.

Habitat: Predilige le posizioni molto aride, su rupi e pietraie silicee, più raramente su calcare.

Immagine


Note di Sistematica: Pignatti distingue due sottospecie scarsamente differenziate, subsp. arachnoindeum ( = S. doellianum Lhem) che avrebbe peli più scarsi e rosette ovali e globose, ed una subsp. tomentosum che avrebbe ragnatela abbondante distribuita su rosette piu' appiattite nella parte centrale. Personalmente ho sempre notato una grande variabilità di dimensioni e pelosità dei vari esemplari incontrati, senza soluzione di continuità. Recentemente la Checklist di Conti et al. disconosce l'esistenza della subsp. tomentosum e riporta tutti i S. arachnoideum sotto l'unica specie creata da Linneo. Le foto illustrative della scheda verosimilmente mostrano entrambe quelle che erano considerate le due sottospecie.

Tassonomia filogenetica

Immagine


______________________________________________________________________________

Etimologia: Sempervivum: dal latino sempre vivo, probabilmente per la resistenza di queste piante in ambienti ostili e siccitosi, arachnoideum: da Aracne. Aracne nella mitologia era una fanciulla dalle prodigiose doti di tessitrice che, a seguito di una sfida di bravura al telaio persa contro la dea Atena si suicidò per la vergogna. Atena la resuscitò sotto forma di ragno. L'epiteto specifico deriva perciò da "ragno" e si riferisce alla ragnatela che ricopre le rosette basali

Proprietà ed utilizzi: Immagine Specie officinale

Come gli altri Semprevivi le foglie schiacciate si usano per curare calli, verruche, scrpolature e bruciature. Per uso interno contro le infiammazioni in genere.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, decliniamo pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.
______________________________________________________________________________

Principali Fonti
Flora d'Italia - S.Pignatti
Flora Alpina - D. Aeschimann, K. Lauber, D.M. Moser, J.P. Theurillat
An Annotated Checklist of the Italian Vascular Flora - F.Conti, G.Abbate, A.Alessandrini, C.Blasi
I Fiori delle Alpi - F. Rasetti


Scheda realizzata da Franco Guadagni (effegua)

Re: Sempervivum arachnoideum L.

Inviato: 15 mar 2008, 23:12
da effegua
Sempervivum arachnoideum Linneo
Rosette che mostrano la caratteristica ragnatela
Lod 1500 m. 18 giu 2005
Foto di Franco Guadagni

Re: Sempervivum arachnoideum L.

Inviato: 15 mar 2008, 23:14
da effegua
Sempervivum arachnoideum Linneo
Ancora rosette basali di forma leggermente diversa
Lod 1500 m. 25 giu 2005
Foto di Franco Guadagni

Re: Sempervivum arachnoideum L.

Inviato: 15 mar 2008, 23:15
da effegua
Sempervivum arachnoideum Linneo
ragnatele
Lod 1500 m. 18 giu 2005
Foto di Franco Guadagni

Re: Sempervivum arachnoideum L.

Inviato: 15 mar 2008, 23:17
da effegua
Sempervivum arachnoideum Linneo
Anche i giovani getti sono ricoperti dalla "tela"
Lod 1500 m. 18 giu 2005
Foto di Franco Guadagni

Re: Sempervivum arachnoideum L.

Inviato: 15 mar 2008, 23:21
da effegua
Sempervivum arachnoideum Linneo
Una piantina fiorita.
Vallone del Ru, Valli di Lanzo, 1800 m, 3 lug 2006
Foto di Franco Guadagni

Re: Sempervivum arachnoideum L.

Inviato: 15 mar 2008, 23:22
da effegua
Sempervivum arachnoideum Linneo
I fiori
Vallone del Ru, Valli di Lanzo, 1800 m, 7 lug 2006
Foto di Franco Guadagni

Re: Sempervivum arachnoideum L.

Inviato: 15 mar 2008, 23:24
da effegua
Sempervivum arachnoideum Linneo
Un fiore. Si noti la venatura centrale piu' scura ed i petali che sono piu' larghi rispetto a S. montanum, S. tectorum e S. grandiflorum
Vallone del Ru, Valli di Lanzo, 1800 m, 7 lug 2006
Foto di Franco Guadagni

Re: Sempervivum arachnoideum L.

Inviato: 15 mar 2008, 23:31
da effegua
Sempervivum arachnoideum Linneo
Infine, un confronto tra la stazza di un S. tectorum, sulla sinistra e quella del nostro S. arachnoideum, sulla destra. Si noti che il S. tectorum non e' ancora fiorito, e deve percio' ancora crescere.
Lod, Valtournenche, 1500 m. 18 lug 2004
Foto di Franco Guadagni

Re: Sempervivum arachnoideum L. - Semprevivo ragnateloso *

Inviato: 28 dic 2009, 13:47
da Marinella Zepigi
Sempervivum arachnoideum L.
Lucoli (AQ), 1600 m, lug 2007
Foto di Enzo De Santis

Re: Sempervivum arachnoideum L. - Semprevivo ragnateloso

Inviato: 26 apr 2014, 14:48
da Anja
Sempervivum arachnoideum L.

Lucoli (AQ), 1600 m, lug 2007
Foto di Enzo De Santis
Sempervivum_arachnoideum_5e37e43d.jpg
Sempervivum_arachnoideum_5e37e43d.jpg (150.31 KiB) Visto 3557 volte

Re: Sempervivum arachnoideum L. - Semprevivo ragnateloso

Inviato: 26 apr 2014, 14:50
da Anja
Sempervivum arachnoideum L.

Aprica (SO), 1150 m, apr 2012
Foto di Cristiano Magni

Follicoli maturi
Sempervivum_arachnoideum_37682_174859.jpg
Sempervivum_arachnoideum_37682_174859.jpg (180.6 KiB) Visto 3557 volte