Pagina 1 di 1

Cerastium utriense Barberis {ID 2039} - Peverina di Voltri

Inviato: 29 set 2008, 17:48
da Stevene
Cerastium utriense Barberis
Webbia 42(2): 154 (1988)


Caryophyllaceae

Peverina di Voltri

Forma Biologica: H scap - Emicriptofite scapose. Piante perennanti per mezzo di gemme poste a livello del terreno e con asse fiorale allungato, spesso privo di foglie.

Descrizione: Perenne, pulvinata, sparsamente pelosa, alta (12)-15-20-(25) cm. Foglie glabre, alla base brevemente ciliate.
Infiorescenza pubescente (raramente ghiandolosa), sepali sparsamente pelosi, petali bianchi glabri (8-11x2-3,5 cm) bilobi incisi fino a 1/4 della lunghezza. Stami 10, stili 5.
Frutto capsula portata su peduncoli eretti a maturità, subcilindrica.

Tipo corologico: Endem. Ital. - Presente allo stato spontaneo solo nel territorio italiano.

Antesi: Maggio-Luglio

Distribuzione in Italia: Liguria (Gruppo del Monte Beigua, Tiglieto, Rossiglione, Piani di Praglia ed entroterra di Genova tra Sestri Ponente e Pegli) e Piemonte (Parco Naturale delle Capanne di Marcarolo, Monte Tobbio, Monte Figne, Val Gorzente, Valle Piota)
Endemismo delle rocce ultramafiche del gruppo di Voltri, affioramento ofiolitico dell'Appennino Ligure-Piemontese.

Habitat: Rupi, detriti, garighe, sfatticci di rocce ultramafiche (Serpentiniti, Serpentinoscisti, Peridotiti, Lherzoliti), non risulta per ora osservato su altre litologie ofiolitiche o associate

Immagine


Note di Sistematica: Apparentemente del tutto simile a Cerastium arvense (presente con la subsp. suffruticosum sulle serpentiniti della Liguria orientale ed Emilia) si distingue per il peduncolo fruttifero che in C. utriense è eretto e in C. arvense è pendulo.
L'autrice della specie scrive che dal punto di vista morfologico la specie più affine è in realtà C. soleirolii Ser. ex Duby (endemico della Corsica).

Tassonomia filogenetica

Immagine


______________________________________________________________________________

Etimologia: utriense deriva da "Utri" il nome dialettale di Voltri, delegazione della città di Genova da cui deriva il nome Gruppo di Voltri, l'affioramento ofiolitico praticamente coincidente con l'areale della specie.

Principali Fonti
Barberis G., 1988 - Cerastium utriense sp. nov. (Caryophyllaceae) nell'Appennino ligure-piemontese - Webbia 42(2): 153-160

Scheda realizzata da Stefano Marsili

Re: Cerastium utriense Barberis

Inviato: 29 set 2008, 17:49
da Stevene
Cerastium utriense Barberis

Re: Cerastium utriense Barberis - Peverina di Voltri

Inviato: 22 feb 2011, 18:43
da Anja
Cerastium utriense Barberis

Acquasanta (GE), 400 m, mag 2008
Foto di Daniela Longo
Cerastium_utriense_ff135c74.jpg
Cerastium_utriense_ff135c74.jpg (134.97 KiB) Visto 4417 volte

Re: Cerastium utriense Barberis - Peverina di Voltri

Inviato: 22 feb 2011, 18:44
da Anja
Cerastium utriense Barberis

Acquasanta (GE), 400 m, mag 2008
Foto di Daniela Longo
Cerastium_utriense_beb2cf03.jpg
Cerastium_utriense_beb2cf03.jpg (149.05 KiB) Visto 4417 volte

Re: Cerastium utriense Barberis - Peverina di Voltri

Inviato: 22 feb 2011, 18:45
da Anja
Cerastium utriense Barberis

Acquasanta (GE), 400 m, mag 2008
Foto di Daniela Longo
Cerastium_utriense_44e9cd2a.jpg
Cerastium_utriense_44e9cd2a.jpg (129.73 KiB) Visto 4417 volte

Re: Cerastium utriense Barberis - Peverina di Voltri

Inviato: 22 feb 2011, 18:48
da Anja
Cerastium utriense Barberis

M. Tobbio (AL), giu 2010
Foto e testo di Stefano Marsili

Su detriti serpentinosi in locus typicus
Cerastium_utriense_17780_85566.jpg
Cerastium_utriense_17780_85566.jpg (196.21 KiB) Visto 4417 volte