Primula elatior (L.) Hill {ID 6163}

Contributi sulla flora italiana pubblicati in Actaplantarum (sola lettura)
Regole del forum
I messaggi di questo forum costituiscono una preziosa documentazione della presenza allo stato spontaneo della flora italiana ordinata in base alla data del rinvenimento, sequenza che verrebbe alterata da qualsiasi intervento successivo, ammissibile SOLO in caso di errori nella determinazione. Per segnalare errori inviate un messaggio nel forum "Correzioni e modifiche ad Archivio floristico" ricopiando il Topic_id che trovate in cima a ogni topic dell'Archivio
Rispondi
Topic_id: 10777
Luciano43
Messaggi: 409
Iscritto il: 27 set 2014, 21:37
Nome: Luciano
Cognome: Franceschini
Residenza(Prov): Trento (TN)

Primula elatior (L.) Hill {ID 6163}

Messaggio da Luciano43 » 11 mag 2009, 22:31

Niente di particolare,cominciano adesso a fiorire,sul Monte Bondone tra i 1200 e 1400.
Solo il colore la differenzia.

Primulaceae: Primula maggiore
M. Bondone (TN), 1300 m, mag 2009
Foto di Luciano Franceschini
Allegati
elatior.jpg
elatior.jpg (193.39 KiB) Visto 99 volte
fiore%20in%20primo%20piano.jpg
fiore%20in%20primo%20piano.jpg (148.62 KiB) Visto 99 volte
Ultima modifica di Luciano43 il 01 gen 1970, 02:00, modificato 0 volte in totale.
Motivazione: {Italia - 3 - 99 - 0}

Umberto Ferrando
Moderatore
Messaggi: 4612
Iscritto il: 22 nov 2007, 15:28
Nome: Umberto
Cognome: Ferrando
Residenza(Prov): Mele (GE)

Re: Primula elatior (L.) Hill

Messaggio da Umberto Ferrando » 12 mag 2009, 09:45

Guardando le foglie basali, che (seppure immature) pare mostrino una lamina lungamente decorrente nel picciuolo, direi che non si tratta della subspecie nominale ma di Primula elatior (L.) Hill. subsp. intricata (Gren. & Godr.) Lüdi, che nel Nord Italia è molto più diffusa di quanto generalmente sia riportato nei testi floristici, essendo la subspecie (di gran lunga) prevalente dal Savonese fino al Monviso e su buona parte delle Prealpi lombarde, venete e trentine. Gli esemplari andrebbero comunque fotografati di nuovo a fruttificazione avanzata (ai fini della determinazione è importante il rapporto tra la lunghezza della capsula e quella del calice).

Ciao
Umberto

Rispondi

Torna a “Archivio floristico”