Carex demissa Hornem. {ID 1661 0}

Contributi sulla flora italiana pubblicati in Actaplantarum (sola lettura)
Regole del forum
I messaggi di questo forum costituiscono una preziosa documentazione della presenza allo stato spontaneo della flora italiana ordinata in base alla data del rinvenimento, sequenza che verrebbe alterata da qualsiasi intervento successivo, ammissibile SOLO in caso di errori nella determinazione. Per segnalare errori inviate un messaggio nel forum "Correzioni e modifiche ad Archivio floristico" ricopiando il Topic_id che trovate in cima a ogni topic dell'Archivio
Rispondi
Topic_id: 108725
carlo cibei
Amministratore
Messaggi: 7471
Iscritto il: 22 nov 2007, 12:08
Nome: Carlo
Cognome: Cibei
Residenza(Prov): Genova (GE)
Località: Genova

Carex demissa Hornem. {ID 1661 0}

Messaggio da carlo cibei »

Segeuendo le chiavi sul nuovo Pignatti arrivo a Carex viridula Michx. Che dite, si può confermare?

Cyperaceae: Carice dimessa
Bosco dei Frati, Genova (GE), 335 m, mag 2019
Foto di Carlo Cibei
Allegati
P1170861.jpg
P1170861.jpg (154.68 KiB) Visto 772 volte
P1170863.jpg
P1170863.jpg (122.24 KiB) Visto 772 volte
“... c'è chi vede il bicchiere mezzo pieno e chi lo vede mezzo vuoto. In realtà è sempre tutto pieno, di due sostanze diverse.”
Ester Armanino - L'Arca
carlo cibei
Amministratore
Messaggi: 7471
Iscritto il: 22 nov 2007, 12:08
Nome: Carlo
Cognome: Cibei
Residenza(Prov): Genova (GE)
Località: Genova

Re: Carex demissa Hornem.

Messaggio da carlo cibei »

Cyperaceae: Carice di Oeder
Bosco dei Frati (GE), 335 m, mag 2019
Foto di Carlo Cibei
Allegati
Foto016.jpg
Foto016.jpg (97.62 KiB) Visto 771 volte
Foto017.jpg
Foto017.jpg (145.19 KiB) Visto 771 volte
“... c'è chi vede il bicchiere mezzo pieno e chi lo vede mezzo vuoto. In realtà è sempre tutto pieno, di due sostanze diverse.”
Ester Armanino - L'Arca
carlo cibei
Amministratore
Messaggi: 7471
Iscritto il: 22 nov 2007, 12:08
Nome: Carlo
Cognome: Cibei
Residenza(Prov): Genova (GE)
Località: Genova

Re: Carex demissa Hornem.

Messaggio da carlo cibei »

Cyperaceae: Carice di Oeder
Bosco dei Frati (GE), 335 m, mag 2019
Foto di Carlo Cibei
Allegati
Micro-0003.jpg
Micro-0003.jpg (116.72 KiB) Visto 770 volte
Micro-0001.jpg
Micro-0001.jpg (74.78 KiB) Visto 770 volte
“... c'è chi vede il bicchiere mezzo pieno e chi lo vede mezzo vuoto. In realtà è sempre tutto pieno, di due sostanze diverse.”
Ester Armanino - L'Arca
carlo cibei
Amministratore
Messaggi: 7471
Iscritto il: 22 nov 2007, 12:08
Nome: Carlo
Cognome: Cibei
Residenza(Prov): Genova (GE)
Località: Genova

Re: Carex demissa Hornem.

Messaggio da carlo cibei »

Cyperaceae: Carice di Oeder
Bosco dei Frati (GE), 335 m, mag 2019
Foto di Carlo Cibei
Allegati
Micro-0002_meas.jpg
Micro-0002_meas.jpg (55.75 KiB) Visto 769 volte
Micro-0005.jpg
Micro-0005.jpg (80.39 KiB) Visto 769 volte
“... c'è chi vede il bicchiere mezzo pieno e chi lo vede mezzo vuoto. In realtà è sempre tutto pieno, di due sostanze diverse.”
Ester Armanino - L'Arca
Avatar utente
F. Fen.
Moderatore
Messaggi: 14185
Iscritto il: 04 feb 2008, 20:44
Nome: Franco
Cognome: Fenaroli
Residenza(Prov): Brescia (BS)
Località: Brescia

Re: Carex demissa Hornem.

Messaggio da F. Fen. »

Con la chiave di E. Banfi arrivo (se interpreto bene le immagini e le biometrie) a Carex demissa.
:bye: franco
La teoria del tutto, ovvero perché l'universo esiste: se trovassimo la risposta decreteremmo il definitivo trionfo della ragione umana poiché allora conosceremmo il pensiero stesso di Dio.
Stephen W. Hawking
Avatar utente
giacomo bellone
Messaggi: 3845
Iscritto il: 15 dic 2011, 13:28
Nome: Giacomo
Cognome: Bellone
Residenza(Prov): Limone Piemonte (CN)
Località: Limone P.te

Re: Carex demissa Hornem.

Messaggio da giacomo bellone »

Ti invio la foto delle risposte di Fenaroli e Ferrando ad una mia domanda simile di molto tempo fa
Ciao jacques
Allegati
P1010311.JPG
P1010311.JPG (90.32 KiB) Visto 723 volte
carlo cibei
Amministratore
Messaggi: 7471
Iscritto il: 22 nov 2007, 12:08
Nome: Carlo
Cognome: Cibei
Residenza(Prov): Genova (GE)
Località: Genova

Re: Carex demissa Hornem.

Messaggio da carlo cibei »

Scusatemi per il ritardo nel rispondere alle vostre osservazioni ma volevo trovare il tempo per documentarmi in modo un po’ più approfondito. Ho guardato tutte le chiavi e le descrizioni per me disponibili e provo a riepilogare.
La chiave citata da Franco F. penso sia quella che si trova a questo link: viewtopic.php?t=28818.

36.a: Steli spesso curvi; foglie più o meno piatte con nervatura centrale cigliata; spiga femminile inferiore spesso ampiamente separata dalle altre; otricelli 3-4 mm con becco normalmente >= 1 mm => C. demissa
36.b: Steli dritti; foglie più o meno scanalate, con nervatura centrale di sotto arrotondata; spighe femminili di solito tutte ravvicinate all’apice dello stelo; otricelli 1.5-3 mm, con becco normalmente < 1 mm => C. viridula
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Nuovo Pignatti

La chiave sul Vol. 4 pag 339 non è particolarmente dettagliata:
4.a: Fusto ascendente; otricello lungo 3-4(-4.5) mm, dei quali 1-1.5 costituiscono il becco
=> C. demissa
4.b e 5.a: Fusto eretto; otricello di 2.5-3(-3.2) mm dei quali 0.6-1 mm costituiscono il becco
=> C. viridula

Informazioni in più nelle descrizioni (Vol. 1 pag. 468)
C. demissa
Fusto ascendente più lungo delle foglie; Foglie con lamina larga 2-4(-5) mm; Spiga maschile spesso obliqua; Spighe femminili distanziate, la più bassa spesso nella metà inferiore del fusto;
Vedi anche foto su Pignatti LXIII

C. viridula
Fusti eretti; Foglie strette 1-2, raramente 3 mm lunghe circa quanto il fusto o meno; Spiga maschile eretta 6-10 mm; Spighe femminili 2-3 sessili, tutte ravvicinate alla base della spiga maschile
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Chiave Flore de la France méditerranéenne continentale

Carex viridula subsp. viridula (= C. viridula)
Foglie verde giallastre di 1-3 mm di larghezza; spiga maschile generalmente < 1cm, con peduncolo molto corto o nullo; spiga femminile di 4-6.5 mm di diametro, le superiori raggruppate; otricelli di 1.8-3(-4) mm, molto aperti ma non riflessi; becco di 0,3-1,2 mm, dritto, troncato o appena bidentato (denti < 0.2 mmm)

Carex viridula subsp. oedocarpa (= C. demissa)
Foglie più scure, larghezza 2-4.5 mm; spiga maschile > 1 cm, su peduncolo corto, generalmente < 1 cm; spighe femminili con diametro di 5.5-8 mm, spesso l’inferiore situata verso la metà dello stelo; otricelli di 2-4 mm, molto aperti ma poco riflessi; becco di 0.7-1.7 mm, abbastanza dritto, bidentato (denti 0,1-0,3 mm)
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Zangheri

Carex demissa
Fusto arcuato ascendente, spesso ricurvo verso il basso; infiorescenza a spighette femminili (specialmente l’inferiore) ben distanziate e più o meno evidentemente peduncolate, con foglie bratteali erette od eretto patenti; otricelli lunghi 3-4 mm, quelli della parte inferiore della spighetta più o meno ricurvi all’indietro, gli atri dritti

Carex oederi (= C. viridula)
Otricello minore di 3 mm, subgloboso o a becco corto e dritto, patente ma non riflesso; infiorescenza con spighette femminili di 6-10 mm, talora l’inferiore più o meno distanziata, la spighetta maschile con peduncolo in generale non superante le femminili; foglie compiegato-canalicolate, verdi o verdi-giallicce, larghezza di 1.5-3mm, spesso superanti il fusto.
Fusto più corto o un po’ più lungo delle foglie in piante con otricello lungo più o meno 3 mm e rostro di 1-1.5 mm oppure fusto brevissimo in piante confoglie molto strette, spighette femminili piccolissime (3-5 mm), otricello lungo 1.5-2mm a rostro di 0.8-1 mm: var nevadensis
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Flora Iberica

Carex viridula
Otricelli sub globosi, di (1.8)2.2-3 X 0.8-1.6 mm, becco 0.3-0.8(1.3) mm; spighe femminili generalmente raggruppate nella zona superiore del fusto; fusti fertili eretti

Carex demissa
Otricelli più o meno ellissoidali o strettamente obovoidi, non sub globosi, di 2.5-4.1(4.3) x 1-1.5(1.6) mm; becco di (0.7)0.8-1.7(1.8) mm; spiga femminile inferiore comunemente chiaramente separata dalle altre, a volte alla base o quasi; fusti fertili frequentemente incurvati

Invito inoltre ad andare a vedere le (come sempre) bellissime iconografie.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Rothmaler
vedi iconografie pag. 151

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Riguardo alle mie piante, su foto e campioni raccolti osservo:
• Fusti eretti più brevi delle foglie maggiori
• Foglie nettamente con profilo a V, visibile anche nelle prime 2 foto, non piane
• Spiga maschile eretta, su peduncolo più breve della spiga stessa
• 2 spighe femminili, tutte ravvicinate sotto la spiga maschile, nessuna spiga distanziata verso la metà del fusto
• Becco degli otricelli non bidentato
• Lunghezza degli otricelli minore o uguale a 3 mm, lunghezza del becco minore o uguale di 1 mm (non è facile decidere dove inizia il becco)

Siamo all’interno di un gruppo critico, quello di C. flava, e non ho esperienze su queste piante, ma se devo prendere una posizione a me pare che la maggior parte dei caratteri portino verso C. viridula piuttosto che verso C. demissa. In particolare le come sempre bellissime e chiarificatrici iconografie di Rothmaler e Flora Iberica.
Ecco le prime:
Allegati
Carex_viridula_demissa_rothmaler022.jpg
Carex_viridula_demissa_rothmaler022.jpg (115.72 KiB) Visto 699 volte
“... c'è chi vede il bicchiere mezzo pieno e chi lo vede mezzo vuoto. In realtà è sempre tutto pieno, di due sostanze diverse.”
Ester Armanino - L'Arca
carlo cibei
Amministratore
Messaggi: 7471
Iscritto il: 22 nov 2007, 12:08
Nome: Carlo
Cognome: Cibei
Residenza(Prov): Genova (GE)
Località: Genova

Re: Carex demissa Hornem.

Messaggio da carlo cibei »

Ecco le iconografie da Flora Iberica

Carex viridula
Flora_Iberica_C_viridula.jpg
Flora_Iberica_C_viridula.jpg (71.37 KiB) Visto 698 volte

Carex demissa
Flora_Iberica_C_demissa.jpg
Flora_Iberica_C_demissa.jpg (65.85 KiB) Visto 698 volte

:bye: :bye:
carlo
“... c'è chi vede il bicchiere mezzo pieno e chi lo vede mezzo vuoto. In realtà è sempre tutto pieno, di due sostanze diverse.”
Ester Armanino - L'Arca
Avatar utente
F. Fen.
Moderatore
Messaggi: 14185
Iscritto il: 04 feb 2008, 20:44
Nome: Franco
Cognome: Fenaroli
Residenza(Prov): Brescia (BS)
Località: Brescia

Re: Carex demissa Hornem.

Messaggio da F. Fen. »

Guardando le foto il becco è un poco + lungo di 1 mm, per quanto ricordo C. viridula (= C. oederi) aveva il becco in genere (quasi sempre) < di 1 mm.
:bye: franco
La teoria del tutto, ovvero perché l'universo esiste: se trovassimo la risposta decreteremmo il definitivo trionfo della ragione umana poiché allora conosceremmo il pensiero stesso di Dio.
Stephen W. Hawking
Umberto Ferrando
Moderatore
Messaggi: 4670
Iscritto il: 22 nov 2007, 15:28
Nome: Umberto
Cognome: Ferrando
Residenza(Prov): Mele (GE)

Re: Carex demissa Hornem.

Messaggio da Umberto Ferrando »

Per me è Carex demissa Hornem., peraltro nel Genovesato occidentale e nelle zone vicine del Savonese è abbastanza usuale imbattersi in piante con biometrie "al limite" tra Carex viridula Michx. e Carex demissa Hornem.

Ciao
Umberto
Rispondi

Torna a “Archivio floristico”