Fritillaria tubaeformis Gren. & Godr. {ID 3288} - Meleagride alpino

Moderatori: Marinella Zepigi, Anja, Moderatori Botanici

Bloccato
Umberto Ferrando
Moderatore
Messaggi: 4615
Iscritto il: 22 nov 2007, 15:28
Nome: Umberto
Cognome: Ferrando
Residenza(Prov): Mele (GE)

Fritillaria tubaeformis Gren. & Godr. {ID 3288} - Meleagride alpino

Messaggio da Umberto Ferrando » 26 feb 2008, 23:16

Fritillaria tubaeformis Gren. & Godr.
Mém. Soc. Émul. Doubs 2(6): 13 (1855)

Fritillaria delphinensis Gren., Fritillaria tubiformis Gren. & Godr.

Liliaceae

Meleagride alpino, Fritillaria alpina, Meleagride del Delfinato, Deutsch: Westalpen-Schachblume
Français: Fritillaire du Dauphiné


Forma Biologica: G bulb - Geofite bulbose. Piante il cui organo perennante è un bulbo da cui, ogni anno, nascono fiori e foglie.

Descrizione: Specie erbacea, bulbosa, di taglia modesta (in genere 15-30 cm di altezza, raramente di più) con bulbo piriforme (diametro massimo 20 mm), biancastro e privo di tuniche, scapi fiorali cilindrici, di colore verde-glauco scuro, con piccolissime macchie chiare tondeggianti; foglie glaucescenti, tutte caulinari e concentrate nella sola metà superiore dello scapo, lamina lineare-scanalata, lunga fino a 10 cm, fiore unico, nutante, portato da un peduncolo incurvato posto all'apice dello scapo e lungo 15-40 mm, tepali strettamente ellittici (10-15x30-50 mm), di colore violaceo con reticolatura scura e chiazze di colore più chiaro, stilo trifido recante 3 stimmi (2 mm), antere gialle (giallo-bruno ad antesi avanzata); frutto a capsula loculicida (3 logge) di forma ± clavata, lunga circa 25 mm.

Tipo corologico: Subendem. - Entità presente soprattutto nell'area italiana, ma con limitati sconfinamenti in territori vicini.

Antesi: maggio-luglio

Distribuzione in Italia: Endemismo delle Alpi occidentali e centrali, distribuzione interessante, in quanto sembra mancare nelle aree coperte dall'inlandis glaciale quaternario e si concentra nelle Alpi sud-occidentali (Liguri, Marittime e Cozie meridionali) e nelle Prealpi bergamasche e bresciane, aree di rifugio per molte specie montane di origine tardo-terziaria. Fritillaria tubaeformis Gren. & Godr. è specie da rara a molto rara in tutto il suo areale di distribuzione, solo localmente può risultare frequente.

Habitat: Pascoli e prati nel piano montano, subalpino e (raramente) alpino, in genere su substrati neutri o a debole reazione basica, specie leggermente nitrofila sopravvive senza problemi anche nelle aree soggette a forte pascolamento (limiti altitudinali: 800-2500 m, la maggioranza delle stazioni è però concentrata tra i 1400 e i 2100 m).

Immagine


Note di Sistematica: Fritillaria tubaeformis Gren. & Godr. subsp. tubaeformis: perigonio di colore violaceo scuro. Endemita delle Alpi sud-occidentali, presente esclusivamente sul versante francese (Alpi di Alta Provenza e Delfinato) e assente in territorio italiano.
Fritillaria tubaeformis subsp. moggridgei (Boiss. & Reut. ex Planch.) Rix (in Bot. J. Linn. Soc. 76(4): 356 (1978)): perigonio di colore giallo dorato o giallo citrino con reticolatura bruno-rossastra. Presente in Francia (Dipartimento delle Alpi Marittime) e in Italia (Piemonte e Liguria).

Tassonomia filogenetica

Immagine


______________________________________________________________________________

Etimologia: il nome Fritillaria deriva dal latino "fritillus" (bussolotto per dadi) ed è dovuto alla somiglianza dei fiori di alcune specie di questo genere (dalla caratteristica reticolatura "a scacchiera") con un bussolotto usato dai Romani in un gioco di dadi, molto popolare in età tardo repubblicana e imperiale.
Il nome della specie "tubaeformis" (a forma di "tuba") è legato invece allo strumento musicale (anch'esso di epoca romana), precursore dei moderni ottoni (trombe e tromboni), evidentemente coloro che descrissero questa specie (i francesi Dominique-Alexandre Godron e Jean-Charles-Marie Grenier) ravvisarono una somiglianza tra la forma del perigonio di questa Fritillaria e l'antico strumento musicale.
La ssp. moggridgei è dedicata al botanico scozzese John Traherne Moggridge (1842-1874).

Proprietà ed utilizzi: Immagine Specie officinale tossica

Le specie del genere Fritillaria contengono alcaloidi (fritillarina, imperialina, ecc.) usati in farmacologia per i loro effetti cardioattivi, tuttavia l'elevata tossicità rende queste piante assolutamente inutilizzabili nell'erboristeria tradizionale.

Attenzione: Pianta molto tossica (elevatissime concentrazioni di alcaloidi, soprattutto nel bulbo, ma sono pericolose tutte le parti vegetative, i fiori e le capsule), ne va assolutamente evitato l'utilizzo domestico; Fritillaria tubaeformis è protetta in tutte le regioni (Liguria, Piemonte e Lombardia) in cui cresce, è pianta rara e da rispettare.
______________________________________________________________________________

Principali Fonti
AESCHIMANN D., LAUBER K., MOSER D.M., THEURILLAT J.P., 2004. Flora alpina, Zanichelli editore, BolognaCONTI F., ABBATE G., ALESSANDRINI A., BLASI C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore
PIGNATTI S., 1982. Flora d'Italia, Edagricole, Bologna
GISMONDI A., 1950. Prospetto della flora ligustica, Scia Genova
Index Plantarum Flora Italicae - Indice dei nomi delle specie botaniche presenti in Italia.


Scheda realizzata da Umberto Ferrando

Umberto Ferrando
Moderatore
Messaggi: 4615
Iscritto il: 22 nov 2007, 15:28
Nome: Umberto
Cognome: Ferrando
Residenza(Prov): Mele (GE)

Re: Fritillaria tubiformis Gren. & Godr.

Messaggio da Umberto Ferrando » 26 feb 2008, 23:44

Fritillaria tubiformis Gren. & Godr. subsp. moggridgei (Boiss. & Reut. ex Planch.) Rix. Foto di Umberto Ferrando
Allegati
Fritillaria tubiformis ssp moggridgei 2.jpg
Fritillaria tubiformis ssp moggridgei 2.jpg (171.7 KiB) Visto 5555 volte

Umberto Ferrando
Moderatore
Messaggi: 4615
Iscritto il: 22 nov 2007, 15:28
Nome: Umberto
Cognome: Ferrando
Residenza(Prov): Mele (GE)

Re: Fritillaria tubiformis Gren. & Godr.

Messaggio da Umberto Ferrando » 26 feb 2008, 23:45

Fritillaria tubiformis Gren. & Godr. subsp.moggridgei (Boiss. & Reut. ex Planch.) Rix. Foto di Umberto Ferrando
Allegati
Fritillaria tubiformis ssp moggridgei 4.jpg
Fritillaria tubiformis ssp moggridgei 4.jpg (172.06 KiB) Visto 5563 volte

Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
Messaggi: 15641
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Nome: Marinella
Cognome: Zepigi
Residenza(Prov): Lombardia (BG)
Località: Endine Gaiano (BG)
Contatta:

Re: Fritillaria tubiformis Gren. & Godr. - Meleagride alpino

Messaggio da Marinella Zepigi » 02 feb 2011, 00:45

Fritillaria tubiformis Gren. & Godr. subsp. moggridgei (Boiss. & Reut. ex Planch.) Rix
Liliaceae: Meleagride di Moggridge
Triora (IM), 1490m, mag 2009
Foto di Umberto Ferrando
Allegati
Fritillaria_tubiformis_1.jpg
Fritillaria_tubiformis_1.jpg (195.41 KiB) Visto 4919 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)

Bloccato

Torna a “Schede Botaniche”