Reduviidae: Rhynocoris cfr. cuspidatus (Ribaut, 1921)

Rispondi
Gianfranco-Anna

Reduviidae: Rhynocoris cfr. cuspidatus (Ribaut, 1921)

Messaggio da Gianfranco-Anna » 23 giu 2009, 08:41

Isola d'Elba
Allegati
002.jpg
002.jpg (197.59 KiB) Visto 1390 volte

Gianfranco-Anna

Re: Reduviidae: Rhynocoris cfr. cuspidatus (Ribaut, 1921)

Messaggio da Gianfranco-Anna » 23 giu 2009, 08:42

5
Allegati
005.jpg
005.jpg (196.02 KiB) Visto 1383 volte

Avatar utente
rededivad
Amministratore
Messaggi: 7894
Iscritto il: 24 apr 2008, 10:05
Nome: Davide
Cognome: Tomasi
Residenza(Prov): Cornedo Vicentino (VI)
Località: Cornedo Vicentino (VI)

Re: Reduviidae: Rhynocoris cfr. cuspidatus (Ribaut, 1921)

Messaggio da rededivad » 08 gen 2012, 14:03

Causa divisione topic riporto la determinazione effettuata da Forbix (Leonardo Forbicioni)

parte superiore del capo con una piccola macchietta rossa, bordo laterale del pronoto nella parte posteriore, arancione chiaro. Pronoto con 2 macchie divise, bordi dei connexivi di colore leggermente diverso (tendente all'arancione). Si tratta di una specie, che fino a un anno fa, non faceva parte dell'entomofauna italiana, mentre era presente in Francia e forse in Corsica. Probabilmente la foto è stata scattata all'Elba, in quanto a segnalarla fu proprio una mia cara amica. non dovrebbe trattarsi di Rhynocoris iracundus , ma bensì di: Rhynocoris cuspidatus (Ribaut 1921) (HETEROPTERA, REDUVIIDAE)

Forbix (Leonardo Forbicioni)
"Meravigliarsi di tutto è il primo passo della ragione verso la scoperta." Louis Pasteur
"A compiacersi del semplice ci vuole un'anima grande.” Arturo Graf

Avatar utente
Paride Dioli
Messaggi: 100
Iscritto il: 19 apr 2015, 10:48
Nome: Paride
Cognome: Dioli
Residenza(Prov): Sondrio (SO)
Contatta:

Re: Reduviidae: Rhynocoris cfr. cuspidatus (Ribaut, 1921)

Messaggio da Paride Dioli » 23 giu 2015, 19:08

Leonardo ha ragione. Alcune foto scattate dalla compianta Ornella Casnati all'Elba, portarono ad individuare questa specie, pur con qualche dubbio in quanto lei stessa (che era una fervente animalista) non acconsentì mai alla cattura di un esemplare maschio allo scopo di avere una conferma basata sulla morfologia della capsula genitale. Ella riuscì tuttavia a scattare una immagine dell'apice dell'addome in cui si intravedeva la capsula munita della caratteristica cuspide da cui prende il nome la specie.
Successivamente però ebbi modo di visionare degli esemplari di collezione ma, sfortunatamente non potei mai più riconfermare la specie sulla base di questi reperti che risultarono essere dei Rhynocoris rubricus.
La questione risulta dunque ancora aperta. (cfr.)

Rispondi

Torna a “Heteroptera”