Salix caprea L. {ID 6724}

Moderatori: Marinella Zepigi, Anja, Moderatori Botanici

Bloccato
Avatar utente
Silvano Radivo
Messaggi: 3373
Iscritto il: 27 nov 2007, 20:24
Nome: Silvano
Cognome: Radivo
Residenza(Prov): Udine (UD)
Località: Udine

Salix caprea L. {ID 6724}

Messaggio da Silvano Radivo » 11 dic 2007, 20:15

Salix caprea L.
Sp. Pl.: 1020 (1753)


Salicaceae

Salice delle capre, Salicone, Deutsch: Sal-Weide
English: Goat willow, great sallow
Español: Sauce cabruno
Français: Saule marsault


Forma Biologica: P caesp - Fanerofite cespugliose. Piante legnose con portamento cespuglioso.
P scap - Fanerofite arboree. Piante legnose con portamento arboreo.

Descrizione: Arbusto policormico (2-6 m) o piccolo albero (anche oltre 12 m), con corteccia abbastanza liscia da giovane, di colore grigio verdastro, in età avanzata grigia, grossolanamente fessurata longitudinalmente in placche romboidali;gemme con una sola perula, ad apice ricurvo verso l'esterno, di forma ogivale od ellittica e di color bruno rossastro.
Foglie alterne, con picciolo di 1-2 cm, ovali od ellittiche, acute, talora brevemente acuminate, a margine intero o, più frequentemente, irregolarmente dentellato, lunghe mediamente 5-8 cm, con pagina superiore verde opaca, glabra e un po' rugosa e pagina inferiore persistentemente tomentosa e vellutata, di color verde salvia o, più spesso, biancastra, con nervature ben evidenti ed in rilievo; stipole per lo più presenti, non grandi e dentate. Le foglie spuntano di regola successivamente alla fioritura.
Fiori maschili numerosi in amenti di circa 2-4 cm densi, eretti, ovoidali, provvisti ciascuno di due stami, con antere giallo-oro ricche di polline; fiori femminili in lunghi amenti (3-8 cm) di forma cilindrica, dapprima eretti, poi riflessi, con pistillo a ovario verde, a forma di ampollina. Come tutti i salici, il salicone è specie dioica, cioè porta fiori maschili e femminili su piante separate.
Frutti in piccole capsule allungate, di colore grigio-verde; seme piccolo e provvisto di pappo piumoso bianco.

Tipo corologico: Eurasiat. - Eurasiatiche in senso stretto, dall'Europa al Giappone.

Antesi: L'antesi è precoce: da fine febbraio ad aprile.

Distribuzione in Italia: Specie a larga distribuzione euroasiatica; manca nelle zone costiere mediterranee. In Italia è frequente in tutta l'area alpina ed appenninica, più raro in pianura padana, in Puglia e in Sicilia, assente in Sardegna.

Habitat: E' una specie pioniera molto rustica, che vegeta dalla pianura fino all'alta montagna (1600 m), costituente sia di formazioni riparie che di aree forestali (bordi e chiarie). Quando viene riscontrata all'interno di boschi, è sicuro indice di una pregressa attività antropica (stalle, fienili, baite). Preferisce suoli freschi, solitamente argillosi, pur adattandosi anche a condizioni di moderata aridità.

Immagine


Note di Sistematica: Skvortsov, 1968, include corologicamente in S. caprea anche Salix caprea subsp. sphacelata (Sm.) Macreight (= S. coaetanea (Hartman) B. Flod.), che è un arbusto alto fino a 5 m, differenziantesi da S. caprea L. per i rami giovani grigio-tomentosi; foglie pelose anche superiormente, cuneate alla base, a 5-8 paia di nervature; filamenti pelosi; fioritura contemporanea alla fogliazione. E' presente dalla Scozia alla Siberia occidentale, compresa la Scandinavia.

Note, possibili confusioni: Simile si presenta Salix appendiculata Vill. (= S. grandifolia Ser., S. cinerascens Willd.), diffuso soltanto nell'Italia settentrionale (LIG esclusa) ed in TOS su suoli sempre umidi e in ambiente montano-subalpino, che ha corteccia debolmente striata (non fessurata), foglie obovato-oblunghe di solito di maggior lunghezza, ma meno larghe, provviste di vistose stipole reniformi e dentate, a lembo superiore glabro e lembo inferiore pubescente, ma non vellutato-tomentoso né biancastro;
affine è anche Salix cinerea L. (= S. acuminata Mill.), presente in quasi tutta Italia, con rametti di 1-2 anni persistentemente tomentosi, legno provvisto sotto scorza di evidenti salienze lunghe ed affilate, foglie da obovate ad ellittiche acute a margine revoluto ondulato-dentato, lembo inferiore biancastro o grigio-tomentoso; prevalentemente diffuso in zone pianeggianti su suoli molto umidi e, talora, paludosi.

Tassonomia filogenetica

Immagine


______________________________________________________________________________

Etimologia: Forse dal celtico "sal lis" = presso l'acqua; il nome specifico è evidentemente connesso all'appetibilità della pianta per le capre.

Proprietà ed utilizzi: Immagine Specie officinale

Come per le altre specie del genere Salix , la corteccia del salicone fornisce, oltre a tannino, anche la salicina, da cui si ricava acido salicilico, ad azione tonica, antireumatica, febbrifuga, antifermentativa ed astringente. Dai giovani rami si usava, e ancora si usa, ricavare i vimini, da utilizzare come legacci in agricoltura o per confezionare ceste e stuoie. Occorre anche ricordare che i salici sono specie mellifere.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, decliniamo pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.
______________________________________________________________________________

Principali Fonti
Pignatti S. - Flora d'Italia - 1982 Edagricole
Paiero P., Martini F. - I salici d'Italia - 1988 Lint
Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di) - An annotated checklist of the Italian vascular flora - 2005 Palombi Editori


Scheda realizzata da Silvano Radivo
Allegati
Salix caprea L.<br />Fusto policormico<br />M. Amariana (UD)<br />Foto di Silvano Radivo
Salix caprea L.
Fusto policormico
M. Amariana (UD)
Foto di Silvano Radivo
fusto policormico.JPG (80.35 KiB) Visto 17279 volte
Salix caprea L.<br />Foglie<br />Comune di Moruzzo (UD)<br />Foto di Silvano Radivo
Salix caprea L.
Foglie
Comune di Moruzzo (UD)
Foto di Silvano Radivo
rametto.jpg (234.59 KiB) Visto 17279 volte
Salix caprea L. <br />Pagina inferiore foglie<br />M. Amariana (UD)<br />Foto di Silvano Radivo
Salix caprea L.
Pagina inferiore foglie
M. Amariana (UD)
Foto di Silvano Radivo
pagina inferiore foglie.JPG (37.51 KiB) Visto 17260 volte
Salix caprea L.<br />Amenti maschili<br />Valle del T. Torre (UD)<br />Foto di Silvano Radivo
Salix caprea L.
Amenti maschili
Valle del T. Torre (UD)
Foto di Silvano Radivo
amenti maschili.JPG (38.91 KiB) Visto 17257 volte
Salix caprea L.<br />Dettaglio antere<br />Valle del T. Torre (UD)<br />Foto di Silvano Radivo
Salix caprea L.
Dettaglio antere
Valle del T. Torre (UD)
Foto di Silvano Radivo
det antere.jpg (101.8 KiB) Visto 17254 volte
Salix caprea L.<br />Amenti femminili<br />Valle del T. Torre (UD)<br />Foto di Silvano Radivo
Salix caprea L.
Amenti femminili
Valle del T. Torre (UD)
Foto di Silvano Radivo
amenti femminili.JPG (33.66 KiB) Visto 17250 volte
Salix caprea L.<br />Fruttificazione<br />Valle del T. Torre (UD)<br />Foto di Silvano Radivo
Salix caprea L.
Fruttificazione
Valle del T. Torre (UD)
Foto di Silvano Radivo
fruttificazione.JPG (38.42 KiB) Visto 17243 volte

Avatar utente
Anja
Moderatore
Messaggi: 9761
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Nome: Anja
Cognome: Michelucci
Residenza(Prov): Firenze (FI)
Località: Firenze

Re: Salix caprea L. - Salicone

Messaggio da Anja » 20 mar 2011, 01:41

Salix caprea L.

Colli Euganei (PD), 500 m, feb 2011
Foto di Marco Banzato
Salix_caprea_23882_112508.jpg
Salix_caprea_23882_112508.jpg (129.12 KiB) Visto 15686 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Natura non facit saltus (Linneo)

Avatar utente
Anja
Moderatore
Messaggi: 9761
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Nome: Anja
Cognome: Michelucci
Residenza(Prov): Firenze (FI)
Località: Firenze

Re: Salix caprea L. - Salicone

Messaggio da Anja » 24 mar 2014, 15:13

Salix caprea L.

Montevecchia (LC), 310 m, mar 2011
Foto di Milena Villa

Infruttescenza
Salix_caprea_25013_118263.jpg
Salix_caprea_25013_118263.jpg (170.03 KiB) Visto 11718 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Natura non facit saltus (Linneo)

Bloccato

Torna a “Schede Botaniche”