Anthyllis vulneraria subsp. versicolor (Dalla Torre & Sarnth.) Gutermann {ID 9760}

Contributi sulla flora italiana pubblicati in Actaplantarum (sola lettura)
Regole del forum
I messaggi di questo forum costituiscono una preziosa documentazione della presenza allo stato spontaneo della flora italiana ordinata in base alla data del rinvenimento, sequenza che verrebbe alterata da qualsiasi intervento successivo, ammissibile SOLO in caso di errori nella determinazione. Per segnalare errori inviate un messaggio nel forum "Correzioni e modifiche ad Archivio floristico" ricopiando il Topic_id che trovate in cima a ogni topic dell'Archivio
Rispondi
Topic_id: 58660
Avatar utente
Merli Marco
Messaggi: 2618
Iscritto il: 18 dic 2013, 21:02
Nome: Marco
Cognome: Merli
Residenza(Prov): Stenico (TN)

Anthyllis vulneraria subsp. versicolor (Dalla Torre & Sarnth.) Gutermann {ID 9760}

Messaggio da Merli Marco » 06 feb 2014, 10:41

Anthyllis vulneraria L. subsp. versicolor (Sag.) Guterm.
Fabaceae: Vulneraria versicolore
Lago di Garda (VR), 70 m, apr 2010
Foto di Marco Merli

Questo genere è ancora poco conosciuto noi ricercatori del Museo di Rovereto abbiamo attribuito a questo Taxon le piante di Anthyllis con calici arrossati (abbiamo seguito Fischer et. al. 2005)
Allegati
P1050519.jpg
P1050519.jpg (56.33 KiB) Visto 139 volte
P1050520.jpg
P1050520.jpg (82.13 KiB) Visto 139 volte
Ultima modifica di Merli Marco il 06 feb 2014, 10:43, modificato 1 volta in totale.
Motivazione: {Italia - 4 - 107 - 0}

Avatar utente
F. Fen.
Moderatore
Messaggi: 14225
Iscritto il: 04 feb 2008, 20:44
Nome: Franco
Cognome: Fenaroli
Residenza(Prov): Brescia (BS)
Località: Brescia

Re: Anthyllis vulneraria subsp. versicolor (Dalla Torre & Sarnth.) Gutermann

Messaggio da F. Fen. » 07 feb 2014, 19:50

Anche noi l'abbiamo inserito nella Flora della LOM C.-OR. Particolarmente comune sulla sponda BS del Lago di Garda e contorni del Lago d'Iseo.
:bye: franco
La teoria del tutto, ovvero perché l'universo esiste: se trovassimo la risposta decreteremmo il definitivo trionfo della ragione umana poiché allora conosceremmo il pensiero stesso di Dio.
Stephen W. Hawking

Rispondi

Torna a “Archivio floristico”