Melissa officinalis L. {ID 5050} - Melissa vera

Moderatori: Marinella Zepigi, Anja, Moderatori Botanici

Bloccato
Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
Messaggi: 15316
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Nome: Marinella
Cognome: Zepigi
Residenza(Prov): Lombardia (BG)
Località: Endine Gaiano (BG)
Contatta:

Melissa officinalis L. {ID 5050} - Melissa vera

Messaggio da Marinella Zepigi » 08 ago 2008, 23:02

Melissa officinalis L.
Sp. Pl.: 592 (1753)


Lamiaceae

Melissa vera, Cedronella, Citronella, Erba cedrina, Erba limona, Balm, Lemon Balm, Honey plant, Mélisse, Thé de France, Citronelle, Zitronen-Melisse

Forma Biologica: H scap - Emicriptofite scapose. Piante perennanti per mezzo di gemme poste a livello del terreno e con asse fiorale allungato, spesso privo di foglie.

Descrizione: Pianta perenne, erbacea, dal gradevole odore di limone, con breve rizoma, fusti eretti, quadrangolari, ramificati, con peli setolosi patenti, disposti sugli spigoli, particolarmente densi ai nodi. Altezza 30÷80 cm.
Le foglie sono picciolate, opposte, di colore verde-giallastro, con lamina ovata, le inferiori spesso cuoriformi; sono crenato-dentate 6÷14 denti x lato.
I fiori su brevi peduncoli, sono raccolti in glomeruli radi, all'ascella delle foglie e delle bratteole lanceolate: presentano
calice tubuloso, peloso, campanulato, bilabiato; corolla tubolosa, simpetala, bilabiata, labbro superiore smarginato, inferiore trilobato con lobo mediano più sviluppato rispetto ai due laterali; di colore giallastro, diventa bianca rosata dopo la fecondazione.
Il frutto è un tetrachenio contenente 4 piccole nucule (acheni) bruno-scure di 1,6-2 x 0,8-1 mm.

Tipo corologico: Euri-Medit. - Entità con areale centrato sulle coste mediterranee, ma con prolungamenti verso nord e verso est (area della Vite).
W-Asiatica - Asia occidentale.

Antesi: maggio÷agosto

Habitat: Incolti, luoghi asciutti, soleggiati, presso le case e in luoghi ruderali; 0÷1.000 m s.l.m.

Immagine


Note di Sistematica: Oltre alla subspecie nominale sopra descritta, nel nostro territorio è presente:

Melissa officinalis subsp. altissima (Sm.) Arcang. (= Melissa romana Miller) - Melissa selvatica, che si distingue per essere pianta di dimensioni maggiori (sino a 150 cm), densamente villosa, con foglie grigio-tomentose, le cauline con base cordata o troncata, ma soprattutto emana un odore sgradevole.

Tassonomia filogenetica

Immagine


______________________________________________________________________________

Etimologia: Il nome del genere dal greco "mèlitta" = ape da miele, è una delle piante mellifere per eccellenza, il nome specifico da "offícina" laboratorio: usabile in farmaceutica, erboristeria, liquoristica, profumeria e simili.

Proprietà ed utilizzi: Immagine Specie commestibile officinale

Principali costituenti: olio essenziale contenente geraniale, citronellale, linalolo, geraniolo, eugenolo; glucosidi, acidi triterpenici, derivati dell'acido caffeico, flavonoidi.
Erba aromatica, rinfrescante, sedativa, antipiretica, digestiva; rilassa gli spasmi e i vasi sanguigni periferici, inibisce l'attività della tiroide. Ha azione antivirale, antibatterica e insettifuga.

Per uso interno contro disturbi di origine nervosa: stress, depressione insonnia, tensione nervosa premestruale; digestione difficile associata a tensione nervosa , eccitabilità, mal di testa di origine nervosa, palpitazioni.
Utile nello stimolare l'appetito e in caso di indigestioni, per espellere gli eccessivi gas intestinali.
Famosi erano lo "spirito di melissa" e "l'acqua di melissa" dei Carmelitani scalzi, preparati, il primo alcolico e il secondo analcolico, impiegati come calmanti, digestivi, per combatte le nausee, vomito e il mal di mare.


Pe uso esterno contro herpes, piaghe, gotta, punture d'insetti, per dolori reumatici e nevralgie, anche come insettifugo.
In Germania dove la fitoterapia è più diffusa, l'estratto di Melissa entra nella composizione di unguenti per il trattamento dell'herpes labiale e genitale.
In aromaterapia l'olio è impiegato come rilassante, rinvigorente.
Le foglie essiccate si aggiungono ai pot-pourri e ai sacchettini profumati.

Attenzione: l'utilizzo di olio essenziale può provocare fenomeni di irritazione per le pelli sensibili. Studi condotti su animali,hanno evidenziato che può causare aumento della pressione intraoculare, inoltre l'assunzione di Melissa può interferire con la terapia di disfunzioni tiroidee è pertanto sconsigliato l'utilizzo in soggetti affetti da ipotiroidismo. L'assunzione contemporanea di barbiturici o benzodiazepine, o di altre erbe con effetto calmante, potrebbero potenziarne l'effetto, provocando una eccessiva sedazione. Quindi non usate mai rimedi erboristici, senza prescrizione medica.

In cucina le foglie possono essere utilizzate al posto del limone, nella preparazione di amari, di minestre, frittate, salse, aceti aromatici, insalate, dolci, macedonie di frutta, e per aromatizzare latte e vino.

Curiosità: La Melissa è coltivata da oltre 2000 anni come pianta mellifera, infatti il nome del genere deriva dal termine greco che designa l’ape.
Il medico dell’antica Grecia Dioscoride applicava le foglie di Melissa sulle ferite cutanee.
Il naturalista romano Plinio il Vecchio, la raccomandava per arrestare le emorragie.
Nel X secolo i medici arabi raccomandavano la Melissa per le sindormi nervose ed ansiose.
Il medico arabo Avicenna, nell ’XI secolo scriveva: “ la melissa dispone la mente e il cuore all’allegria”.
Paracelso chiamava la Melissa "elisir di lunga vita"
L’Europa medioevale adottò l’impiego arabo della Melissa come rimedio contro l’ansia; “l’Eau de Melisse” divenne così popolare come tranquillante e sedativo, da indurre Carlo Magno a ordinare che la pianta fosse coltivata in tutti gli orti officinali del suo regno, per assicurarsene una produzione adeguata.
Nei monasteri benedettini si dedicava particolare attenzione alla coltivazione di erbe e piante medicinali; un'area all'interno delle mura del monastero, era sempre riservata "orto dei semplici". Le erbe coltivate erano utilizzate per preparare tinture, unguenti, tisane, ma anche per la preparazione di bevende, liquori, molti dei quali ancor oggi conosciuti. La Melissa entra nella composizione di più d'uno di questi famosi liquori, lo "Chartreuse" o "Elixir di lunga vita " prodotto dal monaco benedettino Dom Bernardino Vincelli nel 1510 e il "Cusenier" dell'Abate di Montbenoit risalente al 1637. Ogni bottiglia di Bénédictine, prodotto ancor oggi, ha la si la sigla DOM sull'etichetta : Deo Optimo Maximo.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, decliniamo pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.
______________________________________________________________________________

Principali Fonti
PIGNATTI S., Flora d'Italia.Edagricole, Bologna. 1982
AGRADI A., REGONDI S., ROTTI G., Conoscere le piante medicinali. Mediservice, Cologno Monzese (MI). 2005
BOWN. D., Encyclopaedia of Herbs and their Uses. Dorling Kindersley, London. 1995
CHESSI E., Erbe e piante medicinali. Libri Net.
Index Plantarum Flora Italicae - Indice dei nomi delle specie botaniche presenti in Italia
Acta Plantarum - Semi ed altre unità primarie di dispersione


Scheda realizzata da Marinella Zepigi
Allegati
Melissa_officinalis_c0f67bce.jpg
Melissa_officinalis_c0f67bce.jpg (154.77 KiB) Visto 8177 volte
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)

Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
Messaggi: 15316
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Nome: Marinella
Cognome: Zepigi
Residenza(Prov): Lombardia (BG)
Località: Endine Gaiano (BG)
Contatta:

Re: Melissa officinalis L. - Melissa vera

Messaggio da Marinella Zepigi » 10 ago 2008, 19:35

Melissa officinalis L. subsp. officinalis
Endine Gaiano (BG), lug 2008
Foto di Marinella Zepigi
Allegati
Melissa officinalis L. 2.jpg
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)

Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
Messaggi: 15316
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Nome: Marinella
Cognome: Zepigi
Residenza(Prov): Lombardia (BG)
Località: Endine Gaiano (BG)
Contatta:

Re: Melissa officinalis L. - Melissa vera

Messaggio da Marinella Zepigi » 10 ago 2008, 19:36

Melissa officinalis L. subsp. officinalis
Endine Gaiano (BG), lug 2008
Foto di Marinella Zepigi
Allegati
Meliss aofficinalis 15.jpg
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)

Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
Messaggi: 15316
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Nome: Marinella
Cognome: Zepigi
Residenza(Prov): Lombardia (BG)
Località: Endine Gaiano (BG)
Contatta:

Re: Melissa officinalis L. - Melissa vera

Messaggio da Marinella Zepigi » 10 ago 2008, 19:37

Melissa officinalis L. subsp. officinalis
Endine Gaiano (BG), lug 2008
Foto di Marinella Zepigi
Allegati
Meliss aofficinalis 19.jpg
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)

Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
Messaggi: 15316
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Nome: Marinella
Cognome: Zepigi
Residenza(Prov): Lombardia (BG)
Località: Endine Gaiano (BG)
Contatta:

Re: Melissa officinalis L. - Melissa vera

Messaggio da Marinella Zepigi » 10 ago 2008, 19:38

Melissa officinalis L. subsp. officinalis
Endine Gaiano (BG), ago 2008
Foto di Marinella Zepigi
Allegati
Melissa officinalis 1.jpg
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)

Avatar utente
Marinella Zepigi
Amministratore
Messaggi: 15316
Iscritto il: 22 nov 2007, 11:47
Nome: Marinella
Cognome: Zepigi
Residenza(Prov): Lombardia (BG)
Località: Endine Gaiano (BG)
Contatta:

Re: Melissa officinalis L. - Melissa vera

Messaggio da Marinella Zepigi » 10 ago 2008, 19:39

Melissa officinalis L. subsp. officinalis
Endine Gaiano (BG), ago 2008
Foto di Marinella Zepigi
Allegati
Melissa officinalis 2.jpg
"Si fa quel che si può e se abbiamo fatto un errore si corregge". Motto ufficiale di Acta Plantarum :)

Avatar utente
Anja
Moderatore
Messaggi: 10412
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Nome: Anja
Cognome: Michelucci
Residenza(Prov): Firenze (FI)
Località: Firenze

Re: Melissa officinalis L. - Melissa vera

Messaggio da Anja » 10 ott 2010, 21:21

Melissa officinalis L. subsp. officinalis

Bagnoli del Trigno (IS), giu 2008
Foto di Franco Rossi
Melissa_officinalis%20L_%20(8).JPG
Melissa_officinalis%20L_%20(8).JPG (140.69 KiB) Visto 8177 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Natura non facit saltus (Linneo)

Avatar utente
Anja
Moderatore
Messaggi: 10412
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Nome: Anja
Cognome: Michelucci
Residenza(Prov): Firenze (FI)
Località: Firenze

Re: Melissa officinalis L. - Melissa vera

Messaggio da Anja » 10 ott 2010, 21:25

Melissa officinalis L. subsp. officinalis

Bagnoli del Trigno (IS), ott 2010
Foto di Franco Rossi

Fruttificazione e semi
Melissa_officinalis%20L_%20(10).JPG
Melissa_officinalis%20L_%20(10).JPG (187.05 KiB) Visto 8175 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Natura non facit saltus (Linneo)

Avatar utente
Anja
Moderatore
Messaggi: 10412
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Nome: Anja
Cognome: Michelucci
Residenza(Prov): Firenze (FI)
Località: Firenze

Re: Melissa officinalis L. - Melissa vera

Messaggio da Anja » 10 ott 2010, 21:27

Melissa officinalis L. subsp. officinalis

Bagnoli del Trigno (IS), ott 2010
Foto di Franco Rossi

Semi
Melissa_officinalis%20L_%20(11).JPG
Melissa_officinalis%20L_%20(11).JPG (189.79 KiB) Visto 8174 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Natura non facit saltus (Linneo)

Avatar utente
Anja
Moderatore
Messaggi: 10412
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Nome: Anja
Cognome: Michelucci
Residenza(Prov): Firenze (FI)
Località: Firenze

Re: Melissa officinalis L. - Melissa vera

Messaggio da Anja » 05 mar 2014, 17:32

Melissa officinalis L.

Torriana (RN), 300 m, mar 2014
Foto di Giorgio Faggi

Foglie inferiori
8.jpg
8.jpg (190.83 KiB) Visto 6192 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Natura non facit saltus (Linneo)

Avatar utente
Anja
Moderatore
Messaggi: 10412
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Nome: Anja
Cognome: Michelucci
Residenza(Prov): Firenze (FI)
Località: Firenze

Re: Melissa officinalis L. - Melissa vera

Messaggio da Anja » 25 mag 2014, 19:46

Melissa officinalis subsp. altissima (Sm.) Arcang.

Monti Oltre Serchio (PI), 80 m, lug 2009
Foto di Brunello Pierini
Melissa_officinalis_11852_56173.jpg
Melissa_officinalis_11852_56173.jpg (164.27 KiB) Visto 6055 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Natura non facit saltus (Linneo)

Avatar utente
Anja
Moderatore
Messaggi: 10412
Iscritto il: 22 nov 2007, 16:37
Nome: Anja
Cognome: Michelucci
Residenza(Prov): Firenze (FI)
Località: Firenze

Re: Melissa officinalis L. - Melissa vera

Messaggio da Anja » 25 mag 2014, 19:47

Melissa officinalis subsp. altissima (Sm.) Arcang.

Sammichele di Bari (BA), 290 m, giu 2012
Foto di Giuseppe Taneburgo
Melissa_officinalis_39456_183597.jpg
Melissa_officinalis_39456_183597.jpg (83.45 KiB) Visto 6055 volte
IPFI: la rassegna aggiornata della flora italiana

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani (Dalai Lama)
Natura non facit saltus (Linneo)

Bloccato

Torna a “Schede Botaniche”