Leucanthemum adustum (W.D.J. Koch) Gremli {ID 4553}

Contributi sulla flora italiana pubblicati in Actaplantarum (sola lettura)
Regole del forum
I messaggi di questo forum costituiscono una preziosa documentazione della presenza allo stato spontaneo della flora italiana ordinata in base alla data del rinvenimento, sequenza che verrebbe alterata da qualsiasi intervento successivo, ammissibile SOLO in caso di errori nella determinazione. Per segnalare errori inviate un messaggio nel forum "Correzioni e modifiche ad Archivio floristico" ricopiando il Topic_id che trovate in cima a ogni topic dell'Archivio
Rispondi
Topic_id: 64766
Avatar utente
airone
Messaggi: 1403
Iscritto il: 24 dic 2007, 16:14
Nome: Angelo
Cognome: Mazzoni
Residenza(Prov): La Spezia (SP)

Leucanthemum adustum (W.D.J. Koch) Gremli {ID 4553}

Messaggio da airone » 01 lug 2014, 18:50

Leucanthemum adustum (W.D.J. Koch) Gremli
Asteraceae: Margherita west-alpina
Loc. Casoni-Rocchetta di Vara (SP), 950 m, giu 2014
Foto di Angelo Mazzoni
Allegati
margherita2.jpg
margherita2.jpg (82.05 KiB) Visto 173 volte
margherita1.jpg
margherita1.jpg (124.33 KiB) Visto 173 volte
Ultima modifica di airone il 01 gen 1970, 02:00, modificato 0 volte in totale.
Motivazione: {Italia - 6 - 44 - 0}
Angelo Mazzoni

Avatar utente
airone
Messaggi: 1403
Iscritto il: 24 dic 2007, 16:14
Nome: Angelo
Cognome: Mazzoni
Residenza(Prov): La Spezia (SP)

Re: Leucanthemum adustum (W.D.J. Koch) Gremli

Messaggio da airone » 01 lug 2014, 18:51

Leucanthemum adustum (W.D.J. Koch) Gremli
Asteraceae: Margherita west-alpina
Loc. Casoni-Rocchetta di Vara (SP), 950 m, giu 2014
Foto di Angelo Mazzoni
Allegati
margherita.jpg
margherita.jpg (50.68 KiB) Visto 171 volte
Ritaglio.jpg
Ritaglio.jpg (134.92 KiB) Visto 171 volte
Angelo Mazzoni

Avatar utente
F. Fen.
Moderatore
Messaggi: 14237
Iscritto il: 04 feb 2008, 20:44
Nome: Franco
Cognome: Fenaroli
Residenza(Prov): Brescia (BS)
Località: Brescia

Re: Leucanthemum adustum (W.D.J. Koch) Gremli

Messaggio da F. Fen. » 01 lug 2014, 21:00

Per quanto riesco a vedere il fusto è lungamente nudo nella parte superiore, denti più larghi che lunghi, dovrebbe essere lui.
Simile è L. heterophyllum ma con fg. caulinari +o- regolarmente decrescenti verso l'alto, questo taxon lo escluderei.
:bye: franco
La teoria del tutto, ovvero perché l'universo esiste: se trovassimo la risposta decreteremmo il definitivo trionfo della ragione umana poiché allora conosceremmo il pensiero stesso di Dio.
Stephen W. Hawking

Avatar utente
airone
Messaggi: 1403
Iscritto il: 24 dic 2007, 16:14
Nome: Angelo
Cognome: Mazzoni
Residenza(Prov): La Spezia (SP)

Re: Leucanthemum adustum (W.D.J. Koch) Gremli

Messaggio da airone » 01 lug 2014, 21:31

Franco ti ringrazio, è una zona nella media Val di Vara interessante, che sarebbe da studiare. In questi giorni mentre cercavo una stazione di Goodyera repens, che non ho trovato, ho invece trovato 950 m, questo, Leucanthemum, Senecio provincialis, un'Armeria, Centaurea aplolepa (forse subsp. ligustica) un po' strano!
Angelo Mazzoni

Umberto Ferrando
Moderatore
Messaggi: 4535
Iscritto il: 22 nov 2007, 15:28
Nome: Umberto
Cognome: Ferrando
Residenza(Prov): Mele (GE)

Re: Leucanthemum adustum (W.D.J. Koch) Gremli

Messaggio da Umberto Ferrando » 02 lug 2014, 10:59

Non è così strano, nel senso che hai citato tre specie che si trovano su substrato ofiolitico e a quote montane e talvolta alto collinari anche nell'Appennino Ligure occidentale, in particolare Leucanthemum adustum (W.D.J.Koch) Gremli si rinviene con una certa frequenza sulla dorsale che dal Passo del Faiallo raggiunge la vetta del Beigua a quote comprese tra i 1000 e i 1300 m, (scendendo sul versante Sud verso gli 800 m) mentre Senecio provincialis (L.) Druce è frequente oltre i 600-700 m, su buona parte degli affioramenti ultramafici del Gruppo di Voltri (Liguria centrale) infine Centaurea aplolepa L. è comune sui pendii a quote un po' inferiori e in ambiente mesomediterraneo o submediterraneo. Comunque è probabile che situazioni ecologiche e topoclimatiche abbastanza simili (inverno escluso) comportino la presenza di corteggi floristici tutto sommato affini, che poi la flora di quel tratto di Val di Vara sia poco conosciuta e meriti approfondimenti concordo pienamente...

Ciao
Umberto

Rispondi

Torna a “Archivio floristico”