Amaranthus hybridus subsp. cruentus (L.) Thell. {ID 609 0}

Contributi sulla flora italiana pubblicati in Actaplantarum (sola lettura)
Regole del forum
I messaggi di questo forum costituiscono una preziosa documentazione della presenza allo stato spontaneo della flora italiana ordinata in base alla data del rinvenimento, sequenza che verrebbe alterata da qualsiasi intervento successivo, ammissibile SOLO in caso di errori nella determinazione. Per segnalare errori inviate un messaggio nel forum "Correzioni e modifiche ad Archivio floristico" ricopiando il Topic_id che trovate in cima a ogni topic dell'Archivio
Rispondi
Topic_id: 7448
Franz
Messaggi: 582
Iscritto il: 23 nov 2007, 12:28
Nome: Franz
Cognome: Neidl
Residenza(Prov): Austria (EE)
Località: Lazio

Amaranthus hybridus subsp. cruentus (L.) Thell. {ID 609 0}

Messaggio da Franz »

Mi potete confermare Amaranthus cruenthus L. ?

Amaranthaceae: Amaranto cruento
Monticelli, Esperia (FR), 110 m, ott 2008
Foto di Franz Neidl
------------------------------------------
id. Iamonico
Allegati
Amaranthus 108.jpg
Amaranthus 108.jpg (140.59 KiB) Visto 761 volte
Franz
Messaggi: 582
Iscritto il: 23 nov 2007, 12:28
Nome: Franz
Cognome: Neidl
Residenza(Prov): Austria (EE)
Località: Lazio

Re: Amaranthus hybridus subsp. cruentus (L.) Thell.

Messaggio da Franz »

foto Nr.2:
Allegati
Amaranthus 181.jpg
Amaranthus 181.jpg (147.25 KiB) Visto 757 volte
Franz
Messaggi: 582
Iscritto il: 23 nov 2007, 12:28
Nome: Franz
Cognome: Neidl
Residenza(Prov): Austria (EE)
Località: Lazio

Re: Amaranthus hybridus subsp. cruentus (L.) Thell.

Messaggio da Franz »

foto Nr.3:
Allegati
Amaranthus 184.jpg
Amaranthus 184.jpg (113.57 KiB) Visto 754 volte
Avatar utente
Franco Giordana
Amministratore
Messaggi: 14299
Iscritto il: 01 feb 2008, 10:40
Nome: Franco
Cognome: Giordana
Residenza(Prov): Crema (CR)
Località: Crema (CR)

Re: Amaranthus hybridus subsp. cruentus (L.) Thell.

Messaggio da Franco Giordana »

Si direbbe di si, ma i caratteri diacritici non si riescono ad apprezzare nelle IMG.
Il colore non è molto significativo: nella prima immagine si vedono due esemplari evidentemente appartenenti alla stessa specie ma uno di color verde e l'altro amaranto.
Anche in questo caso le chiavi in Pignatti non sono adeguate e c'è stato un po' di rimescolamento nel genere. Fra i documenti in floragarz.net trovate una chiave riguardante il gruppo di A.hybridus.
Solo sulla base delle immagini io mi limiterei ad un cfr..
Se hai il campione e puoi metterlo sotto un binoculare puoi eventualmente confermerlo tu sulla base delle chiave citata.
Franco
come eravamo prima di Acta:http://floragarz.net
Avatar utente
Franco Giordana
Amministratore
Messaggi: 14299
Iscritto il: 01 feb 2008, 10:40
Nome: Franco
Cognome: Giordana
Residenza(Prov): Crema (CR)
Località: Crema (CR)

Re: Amaranthus hybridus subsp. cruentus (L.) Thell.

Messaggio da Franco Giordana »

guardando in Flora Vegetativa (che mi è appena arrivato grazie alla celerità delle nostre poste, avendolo ordinato e metà giugno!) Amaranthus cruentus risulta differenziabile dagli altri del gruppo per il colore:
vert foncé ou rouge
.
Qui lo vediamo in entrambe le versioni e penso che a questo punto si possa confermare la determinazione.

Amaranthus cruentus L.
come eravamo prima di Acta:http://floragarz.net
Duilio Iamonico
Messaggi: 183
Iscritto il: 28 mar 2009, 16:42
Nome: Duilio
Cognome: Iamonico
Residenza(Prov): Roma (RM)

Re: Amaranthus hybridus subsp. cruentus (L.) Thell.

Messaggio da Duilio Iamonico »

In questo caso, confermerei Amaranthus cruentus L.

Seppure manca una Foto di dettaglio dei fiori, è evidente un carattere che distingue questo taxon dagli affini del gr. di A. hybridus, ovvero la lunghezza delle brattee, al più 1,5 volte il perianzio (in questo caso, mi sembrano circa uguali al perianzio).
Si dovrebbe comunque osservare la struttura delle brattee.
Il colore non è certo diagnostico: tipicamente di un bel rosso , può rinvenirsi anche verde (varie tonalità).



Sottolineo quanto scritto da Franco: la chiave presente sul Pignatti (1982), ma anche quelle riportate da Fiori (1923) e da Zangheri (1976), tanto per citare le principali opere italiane comprensive, sono poco adeguate, soprattuto perchè non aggiornate da un punto di vista nomenclaturale.
Duilio
Rispondi

Torna a “Archivio floristico”