Amaranthus powellii S. Watson {ID 616 0} +Amaranthus hybridus L.

Contributi sulla flora italiana pubblicati in Actaplantarum (sola lettura)
Regole del forum
I messaggi di questo forum costituiscono una preziosa documentazione della presenza allo stato spontaneo della flora italiana ordinata in base alla data del rinvenimento, sequenza che verrebbe alterata da qualsiasi intervento successivo, ammissibile SOLO in caso di errori nella determinazione. Per segnalare errori inviate un messaggio nel forum "Correzioni e modifiche ad Archivio floristico" ricopiando il Topic_id che trovate in cima a ogni topic dell'Archivio
Rispondi
Topic_id: 8590
Avatar utente
Nicola Ardenghi
Messaggi: 1407
Iscritto il: 03 giu 2008, 19:19
Nome: Nicola M. G.
Cognome: Ardenghi
Residenza(Prov): Stradella (PV)
Località: Stradella (PV)

Amaranthus powellii S. Watson {ID 616 0} +Amaranthus hybridus L.

Messaggio da Nicola Ardenghi »

Ciao a tutti,
posto alcune Foto di 2 gruppi di Amaranthus, con caratteristiche morfologiche leggermente diverse, trovati entrambi quest'estate sul medesimo ciglio stradale, a pochi m di distanza.


Gruppo 1


Amaranthus powellii S. Watson

Amaranthaceae: Amaranto di Powell
Stradella (PV), 101 m, lug 2008
Foto di Nicola Ardenghi :g:
Allegati
Amaranthus I 1.jpg
Amaranthus I 1.jpg (127.34 KiB) Visto 1865 volte
Amaranthus I 2.jpg
Amaranthus I 2.jpg (106.4 KiB) Visto 1864 volte
Ultima modifica di Nicola Ardenghi il 01 gen 1970, 02:00, modificato 0 volte in totale.
Motivazione: {Italia - 2 - 68 - 0}
Avatar utente
Nicola Ardenghi
Messaggi: 1407
Iscritto il: 03 giu 2008, 19:19
Nome: Nicola M. G.
Cognome: Ardenghi
Residenza(Prov): Stradella (PV)
Località: Stradella (PV)

Re: Amaranthus powellii S. Watson +Amaranthus hybridus L.

Messaggio da Nicola Ardenghi »

altre immagini
Allegati
Amaranthus I 3.jpg
Amaranthus I 3.jpg (116.58 KiB) Visto 1859 volte
Amaranthus I 4.jpg
Amaranthus I 4.jpg (113.61 KiB) Visto 1859 volte
Avatar utente
Nicola Ardenghi
Messaggi: 1407
Iscritto il: 03 giu 2008, 19:19
Nome: Nicola M. G.
Cognome: Ardenghi
Residenza(Prov): Stradella (PV)
Località: Stradella (PV)

Re: Amaranthus powellii S. Watson +Amaranthus hybridus L.

Messaggio da Nicola Ardenghi »

altre ancora; le foto dei frutti non sono il massimo, ma le ho messe giusto per dare un'idea...
Allegati
Amaranthus I 5.jpg
Amaranthus I 5.jpg (83.05 KiB) Visto 1854 volte
Amaranthus I 6.jpg
Amaranthus I 6.jpg (76.84 KiB) Visto 1851 volte
Avatar utente
Nicola Ardenghi
Messaggi: 1407
Iscritto il: 03 giu 2008, 19:19
Nome: Nicola M. G.
Cognome: Ardenghi
Residenza(Prov): Stradella (PV)
Località: Stradella (PV)

Re: Amaranthus powellii S. Watson +Amaranthus hybridus L.

Messaggio da Nicola Ardenghi »

ultima foto dei frutti; sono visibili anche le brattee e gli elementi perigoniali
Allegati
Amaranthus I 7.jpg
Amaranthus I 7.jpg (92.35 KiB) Visto 1849 volte
Avatar utente
Nicola Ardenghi
Messaggi: 1407
Iscritto il: 03 giu 2008, 19:19
Nome: Nicola M. G.
Cognome: Ardenghi
Residenza(Prov): Stradella (PV)
Località: Stradella (PV)

Re: Amaranthus powellii S. Watson +Amaranthus hybridus L.

Messaggio da Nicola Ardenghi »

Gruppo 2


Amaranthus hybridus L.

Amaranthaceae: Amaranto a spiga verde
Stradella (PV), ago 2008
Foto di Nicola Ardenghi
Allegati
amaranthus II 1.jpg
amaranthus II 1.jpg (200.95 KiB) Visto 1848 volte
amaranthus II 2.jpg
amaranthus II 2.jpg (146.26 KiB) Visto 1845 volte
Avatar utente
Nicola Ardenghi
Messaggi: 1407
Iscritto il: 03 giu 2008, 19:19
Nome: Nicola M. G.
Cognome: Ardenghi
Residenza(Prov): Stradella (PV)
Località: Stradella (PV)

Re: Amaranthus powellii S. Watson +Amaranthus hybridus L.

Messaggio da Nicola Ardenghi »

ultima foto
Allegati
amaranthus II 3.jpg
amaranthus II 3.jpg (76.9 KiB) Visto 1834 volte
Avatar utente
Nicola Ardenghi
Messaggi: 1407
Iscritto il: 03 giu 2008, 19:19
Nome: Nicola M. G.
Cognome: Ardenghi
Residenza(Prov): Stradella (PV)
Località: Stradella (PV)

Re: Amaranthus powellii S. Watson +Amaranthus hybridus L.

Messaggio da Nicola Ardenghi »

Per l'identificazione ho utilizzato la ben fatta chiave presente su http://floragarz.net/documents/.

Quest'estate avevo determinato tutte le piante qui proposte come Amaranthus chlorostachys Willd. s.str., ovvero Amaranthus hybridus L., tuttavia non senza dei dubbi.

Per quanto riguarda gli esemplari del 'gruppo 1' (frequenti dalle mie parti), nei mesi precedenti avevo utilizzato prevalentemente come carattere discriminante la lunghezza degli elementi perigoniali, mai superiore ai 2,5 mm. Il fusto inoltre, sotto l'infiorescenza, è evidentemente peloso e le spighe laterali sono brevi e addensate; questo, secondo la chiave, condurrebbe ad A. hybridus L., che però, se confrontato con l'esemplare in galleria, risulta diverso per l'angolo formato dalle spighe laterali e per il colore del fusto.

Per quanto riguarda il 'gruppo 2', adesso sarei più propenso per Amaranthus powellii S. Watson, per via del fusto quasi glabro, più arrossato e le foglie più lucide. L'infiorescenza inoltre è più lassa, con spighe laterali più lunghe. Gli unici esemplari con queste caratteristiche rinvenuti nella mia zona sono questi in fotografia.

Cosa ne pensate?

Grazie mille,

Nicola
Avatar utente
Nicola Ardenghi
Messaggi: 1407
Iscritto il: 03 giu 2008, 19:19
Nome: Nicola M. G.
Cognome: Ardenghi
Residenza(Prov): Stradella (PV)
Località: Stradella (PV)

Re: Amaranthus powellii S. Watson +Amaranthus hybridus L.

Messaggio da Nicola Ardenghi »

Ho trovato su tre siti alcune foto per un eventuale confronto (1, 2 e 3).

Nicola
GalassoMSNM
Moderatore
Messaggi: 827
Iscritto il: 13 nov 2008, 10:52
Nome: Gabriele
Cognome: Galasso
Residenza(Prov): Milano (MI)

Re: Amaranthus powellii S. Watson +Amaranthus hybridus L.

Messaggio da GalassoMSNM »

La butto solo lì, ma non potrebbe essere il contrario? Cioè:
1) powellii (incl. bouchonii), con infiorescenza più compatta e rami eretti;
2) hybridus, con infiorescenza più lassa (e lunga) e rami maggiormente patenti.

Occorre controllare la lunghezza delle brattee: 4-7 mm in powellii e 2-4 mm in hybridus.

Gabriele
Avatar utente
rededivad
Amministratore
Messaggi: 8060
Iscritto il: 24 apr 2008, 10:05
Nome: Davide
Cognome: Tomasi
Residenza(Prov): Cornedo Vicentino (VI)
Località: Cornedo Vicentino (VI)

Re: Amaranthus powellii S. Watson +Amaranthus hybridus L.

Messaggio da rededivad »

E' la stessa sensazione che ho avuto io.
"Meravigliarsi di tutto è il primo passo della ragione verso la scoperta" L. Pasteur
"A compiacersi del semplice ci vuole un'anima grande” A. Graf
La gioia nell'osservare e nel comprendere è il dono più bello della natura” A. Einstein
Avatar utente
Nicola Ardenghi
Messaggi: 1407
Iscritto il: 03 giu 2008, 19:19
Nome: Nicola M. G.
Cognome: Ardenghi
Residenza(Prov): Stradella (PV)
Località: Stradella (PV)

Re: Amaranthus powellii S. Watson +Amaranthus hybridus L.

Messaggio da Nicola Ardenghi »

Vi ringrazio per l'aiuto.

Aggiungo sotto 'gruppo 1' e 'gruppo 2' i nomi delle specie, con rispettivi dati per un eventuale inserimento in galleria.


Nicola
Duilio Iamonico
Messaggi: 183
Iscritto il: 28 mar 2009, 16:42
Nome: Duilio
Cognome: Iamonico
Residenza(Prov): Roma (RM)

Re: Amaranthus powellii S. Watson +Amaranthus hybridus L.

Messaggio da Duilio Iamonico »

Sono molto lieto :) che ci sia qualcuno che si dia così tanto da fare per tentare di determinare gli amaranti...notoriamente poco graditi ai floristi e vegetazionisti italiani...

Per quanto riguarda le specie presentate, occorre dire anzitutto che stiamo parlando del gruppo più complesso del genere Amaranthus (gr. di A. hybridus), in virtù sia di una notevole variabilità fenotipica (intraspecifica e intrapopolazionale...talora individuale!) sia della frequenza non trascurabile di individui ibridi.

A. hybridus L. e A. powelli S. Watson s.l. [subsp. powellii e subsp. bouchonii (Thell.) Costea & Carretero - vedi Iamonico D., 2008, Inform. Bot. Ital., 40(2)] sono specie non sempre facilmente distinguibili.
Il carattere maggiormente costante è quello relativo alla struttura e lunghezza delle brattee fiorali, secondo la seguente chiave diagnostica semplificata:

Brattee con bordi membranosi assottigliantisi gradualmente verso l'apice e lunghe fino a 3,5 volte il perianzio....A. powellii
Brattee con bordi membranosi interrotti ± alla metà e lunghe fino a 2 volte il perianzio....A. hybridus


La pelosità del fusto è abbastanza variabile (sia tra individui diversi all'interno della medesima popolazione, sia nello stesso individuo), così come è variabile la struttura dell'infiorescenza (in particolare le ramificazioni della stessa). Tali caratteri possono essere considerati solo congiuntamente a quelli relativi alle brattee.


Per quel che vedo scriverei:
1) Amaranthus cfr. powellii S. Watson subsp. powelli, per le piante riferite al "Gruppo 1" (le foto dei fiori non sono esaustive);
2) Amaranthus cfr. hybridus L., per le piante riferite al "Gruppo 2" (mancano le foto dei fiori e la struttura dell'infiorescenza può presentarsi anche in A. powellii s.l.).


Scusate per la pignoleria, ma vorrei porre l'accento sulla difficoltà di determinazione delle specie afferenti ad Amaranthus, genere critico non solo per la flora italiana, ma anche per la flora europea e mondiale.
Duilio
Duilio Iamonico
Messaggi: 183
Iscritto il: 28 mar 2009, 16:42
Nome: Duilio
Cognome: Iamonico
Residenza(Prov): Roma (RM)

Re: Amaranthus powellii S. Watson +Amaranthus hybridus L.

Messaggio da Duilio Iamonico »

Ho dato ancora uno sguardo a questa discussione.

Confermo che il GRUPPO1 è Amaranthus powelli s.l.: avevo riporta subsp. powellii come possibilità...ma effettivmente: i frutti erano indeiscenti? In tal caso si tratta della subsp. bouchonii

Per il GRUPPO2 oltre ad Amaranthus cfr. hybridus non si può dire.


Volevo inoltredire che pelosità del funto e struttura della sinflorescenza non sono carratteri diagnositici se presi da soli. In Amaranthus la diagnosi si fa primariamente utilizzando i caratteri fiorali.


Specifico infine che il taxon bouchonii è chiaramente distinto dal taxon powellii s.l. sulla base di indagini nomenclaturali, morfometriche, fitochimiche, citologiche e molecolari. Ergo l'inclusione in A. powellii non è corretta (poi, oviamente, ognuno fa come gli pare...).

La scelta del ragno sottospecifico appare la più sensata, dati gli aspetti morfologici e la separazione geografica.


RIscusate la pignoleria.

Duilio
Duilio
Rispondi

Torna a “Archivio floristico”